The Cerebros

La nuova divertentissima parodia del gruppo The Cerebros continua il viaggio tra i ristoranti italiani.

La crisi dei ristoranti, che oggi aprono, domani non si sa e con il delivery come unica via per sopravvivere. E se un’altra soluzione fosse realizzare una bella fusione fra tradizione culinaria nostrana e internazionale? I THE CEREBROS continuano a “raccontare” l’Italia e le sue stranezze, pubblicando un nuovo video-parodia, dal titolo evocativo: “4 RISTORATI” .

Dopo aver entusiasmato fan e followers con il loro ultimo lavoro musico-comico “GRANDI INTRALLAZZINI”, ispirato alle dinamiche che hanno portato alla recente crisi di governo, la Social Factory più divertente del web torna a far ridere di gusto, fra battute, scivoloni romaneschi, cliché e sane riflessioni sui tempi che stiamo vivendo. Ad impreziosire il loro ultimo video-parodia è anche la partecipazione del cantautore romano Marco Rò , stavolta alle prese con i Righeira.​

Al video (per RESTART PRODUCTION) partecipano Berardino Iacovone, Stefano Bacchiocchi, Gianmarco Esposito e Luigi Martini, supportati dall’intera crew del Laboratorio “The Cerebros”.

The CereBros è una Social Factory che si occupa di ideare, produrre e distribuire contenuti video virali sui principali social network e piattaforme multimediali. Il progetto, nato nel 2017, ha generato nella sua sola produzione video oltre 80 milioni di views.

Il progetto è un ricco contenitore di video comedy, web serie, meme e vignette che ironizza puntualmente con cura e intelligenza ogni fatto d’attualità, talvolta veicolando messaggi importanti. Per questo motivo il collettivo si definisce Radical Pop.

I The CereBros si occupano sia di produzione video digital che di formazione.   Nel   2019 hanno lanciato “Accademia Creators”, unica accademia in Italia che forma i creativi del web. L’idea è non solo quella di insegnare il mestiere del “creator”, ma anche quella di creare una vera e propria fucina di talenti che possa essere un punto di riferimento per tutti, soprattutto per le aziende che necessitano di creativi e di contenuti di qualità. Grazie alle competenze del direttore didattico Berardino Iacovone e del CEO Stefano Bacchiocchi, agli aspiranti creators viene offerto un percorso formativo di livello che consente loro di partire da zero oppure migliorare e ottimizzare quello già avviato. Altro focus dell’accademia è quello di sensibilizzare all’uso responsabile dei Social Network, attraverso tour e seminari anche nelle scuole.

Leggi anche: Conte perde la neutralità e mette in crisi la sinistra

Al video (per RESTART PRODUCTION) partecipano Berardino Iacovone , Stefano Bacchiocchi , Gianmarco Esposito e Luigi Martini , supportati dall’intera crew del Laboratorio “The Cerebros” The CereBros è una Social Factory che si occupa di ideare, produrre e distribuire contenuti video virali sui principali social network e piattaforme multimediali. Il progetto, nato nel 2017, ha generato nella sua sola produzione video oltre 80 milioni di views . Il progetto è un ricco contenitore di video comedy, web serie, meme e vignette che ironizza puntualmente con cura e intelligenza ogni fatto d’attualità, talvolta veicolando messaggi importanti. Per questo motivo il collettivo si definisce Radical Pop . I The CereBros si occupano sia di produzione video digital che di formazione. Nel 2019 hanno lanciato “Accademia Creators” , unica accademia in Italia che forma i creativi del web. L’idea è non solo quella di insegnare il mestiere del “creator”, ma anche quella di creare una vera e propria fucina di talenti che possa essere un punto di riferimento per tutti, soprattutto per le aziende che necessitano di creativi e di contenuti di qualità. Grazie alle competenze del direttore didattico Berardino Iacovone e del CEO Stefano Bacchiocchi , agli aspiranti creators viene offerto un percorso formativo di livello che consente loro di partire da zero oppure migliorare e ottimizzare quello già avviato. Altro focus dell’accademia è quello di sensibilizzare all’uso responsabile dei Social Network, attraverso tour e seminari anche nelle scuole.

Share This:

Di Daniele Naddei

Giornalista iscritto all'ordine dei Giornalisti Pubblicisti della Campania da maggio 2014. Caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori