Accadde Oggi, i fatti del 22 gennaio

Oggi 22 gennaio 2020 è il 22esimo giorno dell’anno. Il sole sorge alle 07:22 e tramonta alle 17:07. La luna è in fase calante e il segno lunare di oggi è Capricorno.

Anche oggi abbiamo scelto tre fatti importanti successi nella storia proprio oggi 22 gennaio.

1911 – Inaugurazione dello Stadio del Genoa (poi dal 1933 denominato Stadio Luigi Ferraris), il più antico stadio italiano, a tutt’oggi in uso

Lo stadio comunale Luigi Ferraris è un impianto sportivo italiano, il più antico del Paese tra quelli tuttora in uso, essendo stato inaugurato nel 1911. Si trova a Genova, nel quartiere di Marassi, e ha una capienza di circa 37 000 posti, anche se nel suo periodo di capacità massima era in grado di ospitarne circa 60 000. Il Ferraris è sede degli incontri interni delle due maggiori compagini calcistiche cittadine, il Genoa e la Sampdoria. Di proprietà comunale, è dal 2016 al 2022 in gestione alla società Luigi Ferraris s.r.l., paritariamente posseduta dai due club calcistici cittadini che ne usufruiscono.

1961 – Peppino Di Capri pubblica “I’ te vurria vasà”

Presentata al concorso “La tavola rotonda”, I’ te vurria vasà non ebbe immediato successo, arrivando solo seconda ex aequo. Negli anni successivi, tuttavia, il brano ebbe grandissima diffusione, e fu interpretata da numerosi artisti napoletani, italiani ed internazionali, tra cui Mario Abbate, Sergio Bruni, Massimo Ranieri, Peppino di Capri, Gigi Finizio, Giacomo Rondinella, Lina Sastri, Roberto Murolo, Anna Calemme, Consiglia Licciardi, Renzo Arbore, Marco Zibardi, Giorgia, Claudio Villa, Mina, Mango, Neil Sedaka. Come molte canzoni napoletane, travalicato il limite della musica leggera e popolare, I’ te vurria vasà è stata inoltre inserita nel repertorio di noti esponenti della musica classica quali Enrico Caruso, Tito Schipa, Giuseppe Di Stefano, Franco Corelli, José Carreras, Luciano Pavarotti e Andrea Bocelli.

1995 – Ivana Spagna incide il suo primo brano in italiano “Il cerchio della vita”

Ivana Spagna (Valeggio sul Mincio, 16 dicembre 1954) è una cantautrice e scrittrice italiana, nota anche con il solo nome d’arte Spagna. Raggiunge la notorietà grazie al tormentone Easy Lady (1986), che entra in classifica in numerosi paesi europei ed extraeuropei. Nel 1987 raggiunge con Call Me il secondo posto della classifica britannica, tuttora tra le posizioni più alte mai raggiunte da una cantante italiana in Inghilterra. Nel 1995 riceve una nomination all’ Oscar per la sua interpretazione del Cerchio della vita nel Re leone. Ultima donna ad aver vinto il Festivalbar, con oltre 10 milioni di dischi venduti, traguardo per il quale nel 2006 le è stato consegnato dalla FIMI il Disco d’Oro alla carriera, è tra gli artisti italiani che hanno avuto maggiore successo commerciale in Italia e all’estero.

Oggi nasceva – Antonio Gramsci

Antonio Gramsci, nome completo, così come registrato nell’atto di battesimo, Antonio Sebastiano Francesco Gramsci (Ales, 22 gennaio 1891 – Roma, 27 aprile 1937), è stato un politico, filosofo, politologo, giornalista, linguista e critico letterario italiano. Nel 1921 fu tra i fondatori del Partito Comunista d’Italia, divenendone segretario e leader dal 1924 al 1927, ma nel 1926 venne ristretto dal regime fascista nel carcere di Turi. Nel 1934, in seguito al grave deterioramento delle sue condizioni di salute, ottenne la libertà condizionata e fu ricoverato in clinica, dove trascorse gli ultimi anni di vita. Considerato uno dei più importanti pensatori del XX secolo, nei suoi scritti, tra i più originali della tradizione filosofica marxista, Gramsci analizzò la struttura culturale e politica della società. Elaborò in particolare il concetto di egemonia, secondo il quale le classi dominanti impongono i propri valori politici, intellettuali e morali a tutta la società, con l’obiettivo di saldare e gestire il potere intorno a un senso comune condiviso da tutte le classi sociali, comprese quelle subalterne.

I santi celebrati oggi

– San Vincenzo di Saragozza

– Sant’ Anastasio (Magundat)
Martire in Persia

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori