Accadde Oggi, i fatti del 29 gennaio

Oggi 29 gennaio 2020 è il 29esimo giorno dell’anno. Il sole sorge alle 07:17 e tramonta alle 17:16. La luna è in fase crescente e il segno lunare di oggi è Ariete.

Anche oggi abbiamo scelto tre fatti importanti successi nella storia proprio oggi 29 gennaio.

1807 – Giuseppe Bonaparte istituisce l’Osservatorio Astronomico di Napoli

L’Osservatorio astronomico di Napoli fu istituito da Giuseppe Bonaparte con un decreto del 29 gennaio 1807 presso l’antico monastero di san Gaudioso a Caponapoli. L’astronomo Giuseppe Cassella fu il primo direttore della specola partenopea. Con l’arrivo sul trono di Napoli di Gioacchino Murat, l’astronomo Federigo Zuccari ottenne dal re francese l’ordine che si costruisse un nuovo edificio dalle forme monumentali. Murat approvò l’impresa l’8 marzo del 1812 e il 4 novembre fu posta la prima pietra del nuovo osservatorio con una solenne cerimonia presieduta dal ministro Giuseppe Zurlo. Per la edificazione dell’osservatorio astronomico si scelse la collina di Miradois, un’altura vicina alla reggia di Capodimonte a Napoli che prendeva il nome dalla villa cinquecentesca del marchese di Miradois, reggente della Gran Corte della Vicaria, da dove si può ammirare lo splendido panorama della città e del golfo di Napoli. Il progetto fu affidato all’architetto Stefano Gasse che realizzò un grandioso e monumentale edificio in stile neoclassico, il primo che si progettasse nella capitale del Regno di Napoli. I lavori terminarono nel 1819, quando sul trono era ritornato Ferdinando I di Borbone, sotto la supervisione dell’astronomo Giuseppe Piazzi e dell’architetto Pietro Bianchi. La sera del 17 dicembre 1819 l’astronomo Carlo Brioschi compì la prima osservazione dal nuovo osservatorio osservando la stella α Cassiopea.

1845 – Il Corvo di Edgar Allan Poe viene pubblicato per la prima volta sul New York Evening Mirror

Il corvo è una poesia scritta da Edgar Allan Poe nel 1845, la principale pubblicata nella raccolta Il corvo e altre poesie del 1845. Fu pubblicata per la prima volta il 29 gennaio 1845, sul giornale New York Evening Mirror. Famoso per la sua musicalità e l’atmosfera sovrannaturale, narra la cupa vicenda di un amante ancora in pena per la sua amata morta, che, mentre medita su un grande volume, a mezzanotte “con grande strepitio d’ali” riceve la visita di un corvo che non farà altro che ripetere monotonamente “Nevermore” (Mai più), tracciando, verso le ultime strofe, l’apice del dolore nell’amante.

1951 – Inizia la prima edizione del Festival di Sanremo

Il primo Festival di Sanremo si svolse al Salone delle feste del Casinò di Sanremo dal 29 al 31 gennaio 1951 alle ore 22 e fu condotto da Nunzio Filogamo. Furono in gara 20 canzoni, mentre a concorrere furono solamente tre interpreti: Nilla Pizzi, Achille Togliani ed il Duo Fasano. Vinse Grazie dei fiori, interpretata da Nilla Pizzi: la canzone era stata composta dal maestro Saverio Seracini poco tempo dopo essere divenuto improvvisamente cieco.

Oggi nasceva – Costantino della Gherardesca

Costantino della Gherardesca, all’anagrafe Costantino Della Gherardesca Verecondi Scortecci (Roma, 29 gennaio 1977), è un conduttore televisivo, giornalista, conduttore radiofonico e opinionista italiano. Laureato in filosofia al King’s College London, è entrato nel mondo dello spettacolo a inizio degli anni 2000. Fa parte della scuderia P-NUTS di Giorgio Bozzo ed è conosciuto in particolare per la sua partecipazione come opinionista a spettacoli televisivi condotti da Piero Chiambretti, oltre alle più recenti conduzioni televisive di Pechino Express e Boss in incognito per la RAI, e sui canali Discovery.

I santi celebrati oggi

– San Costanzo di Perugia
Vescovo e martire

– Sant’ Afraate

– Beata Boleslava Maria Lament
Fondatrice
– San Gildas di Rhuys
Abate
– Santi Papia e Mauro
Martiri
– Santa Sabrina (Savina, Sabina)
Vergine di Troyes
– Santi Sarbelio e Bebaia
Martire
– San Sulpizio Severo
Vescovo di Bourges
– San Valerio di Treviri
Vescovo
– Beata Villana Delle Botti
Madre di famiglia e terziaria

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori