Accadde oggi, la prima rapina ad una banca di New York nel 1831

La prima rapina in banca della storia risale al 19 marzo 1831, e avvenne nella City Bank of New York.

Due ladri di professione, James Honeyman e William J. Murray tramite un calco a cera della serratura erano riusciti ad introdursi nella grande banca newyorchese.

Dopo aver svuotato le casse e il caveau dell’istituto si dileguarono nel mattino newyorkese.

La rapina destò scalpore: primo perché non erano mai state effettuate e secondo per l’entità della somma rubata. Il Post dedicò all’avvenimento la prima pagina e sullo stesso giornale comparve qualche giorno dopo una taglia di cinquemila dollari per coloro che avessero dato informazioni utili alla cattura dei banditi.

Honeyman fu beccato in una pensione con tre bauli al cui interno furono trovati 185mila dollari.

L’albergatore descrisse anche l’amico di Honeyman, identificato come Murray, e anche lui fu arrestato a Philadelphia dove nel frattempo era fuggito. I due ladruncoli australiani si erano conosciuti nella prigione di Sydney, Botany Bay, e, una volta usciti, avevano compiuto rapine in Australia e Inghilterra fino a raggiungere gli Stati Uniti. La coppia fu  condannata a cinque anni di reclusione che scontarono nel famoso penitenziario di Sing Sing, a New York, oggi non più esistente.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori