Vittorio Zucconi ci ha lasciati e con lui un pezzo del giornalismo italiano. 74 anni, giornalista per vocazione, aveva lavorato soprattutto per Repubblica.

Lutto nel mondo del giornalismo, è morto Vittorio Zucconi, storica firma di “Repubblica. Si è spento nella sua casa di Washington a 74 anni dopo una lunga malattia. Cronista, scrittore è stato corrispondente dagli Stati Uniti dal 1985, viveva tra Washington e Roma. Fino allo scorso anno era direttore di Radio Capital. Zucconi è stato anche direttore dell’edizione web di Repubblica dalla creazione fino al 2015, e curava inoltre una rubrica sul settimanale D – la Repubblica delle Donne e la rubrica Parola di Nonno sulla rivista bimestrale Kids. Aveva lavorato con direttori come Scalfari, Ronchey, Fattori, Nutrizio e Di Bella. Aveva lavorato da Bruxelles, New York, Mosca, Parigi, Tokyo, Roma e infine Washington, dove aveva messo radici.  Nella sua carriera ha scritto vari libri: l’ultimo, Il lato fresco del cuscino, era un’autobiografia uscita l’anno scorso per Feltrinelli.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori