Armadio sempre in disordine? Ci pensa il metodo 333

Una delle attività casalinghe più difficili è probabilmente quella di riuscire a tenere in ordine il proprio guardaroba. Per tutti quelli che ci tengono in modo particolare all’ordine ecco un valido aiuto che potrebbe rendere la vita (dei vestiti) più facile.

Courtney Carver, scrittrice e fotografa americana, attraverso il suo progetto Minimalist Fashion Project 333 – be more with less, ha dato vita ad un metodo per imparare a liberarsi del superfluo.

Il primo step è scegliere 33 oggetti e non di più. In questo numero sono compresi vestiti, scarpe e accessori. Dopo questa scelta occorre impacchettare il resto riponendo le scatole degli oggetti avanzati lontano dalla vista. Nei tre mesi successivi si usano solo i 33 capi selezionati (sono ammessi dei cambi se qualche capo è rotto o non è più adatto a noi) Durante questa fase scopriremo che vivere con meno vestiti non solo è possibile ma agevolerà anche la nostra routine quotidiana: armadio più vuoto e organizzato, meno tempo per scegliere cosa indossare, più velocità nel fare le pulizie e tenere tutto in ordine.

Secondo le Carver per realizzare il metodo 333 è importante fare un inventario e selezionare tra i nostri vestiti e accessori quelli che amiamo di più, magari in compagnia di un’amica o amico, così da avere anche un parere più oggettivo su ciò che effettivamente ci dona di più e cosa poter scartare. Provare per credere!

Share This:

Rossella Napoletano

Laureata in lettere, filologia moderna e in procinto di conseguire un altro titolo accademico in scienze della formazione primaria, per non farsi mancare proprio nulla. Ama i cani, la letteratura, il cinema, gli anni 50 e i rossetti, vera e propria mania. I suoi hobby preferiti sono ballare il tango e cucinare. Si definisce inoltre una pantofolaia incallita, infatti il suo sabato sera ideale è: sul divano a guardare un bel film o una serie televisiva, mangiando pizza o altri cibi rigorosamente non salutari, perché almeno il sabato… "dobbiamo vedercene bene"!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori