Femminicidio: diede fuoco alla moglie dopo una lite, arrestato trentaseienne

Diede fuoco alla moglie dopo l’ennesima lite per poi simulare un incidente domestico. Arrestato Sebastiano Iemmolo al culmine delle indagini della procura di Siracusa

Risultati immagini per violenza domesticaAccade a Siracusa: il trentaseienne Sebastiano Iemmolo, di Rosolini, è stato arrestato per aver dato fuoco alla moglie, Laura Pizzi, 31 anni, deceduta all’ospedale Civico di Palermo il 25 marzo scorso dopo 18 giorni di agonia. Iemmolo aveva raccontato agli investigatori di un incidente dovuto all’esplosione di una bombola da campeggio. A incastrarlo sarebbe stata la confessione del figlio minorenne della coppia che, confidandosi con la nonna, avrebbe rivelato “E’ stato papà a dare fuoco alla mamma”. Le indagini, come sottolinea la Questura, sono state particolarmente complesse e delicate a causa del coinvolgimento di un minore, tenendo conto delle possibili implicazioni psicologiche derivanti dal trauma. Un intercettazione ambientale ha rivelato anche il movente: pare che l’uomo, dopo aver chiesto 20 euro alla moglie, le abbia gettato addosso della benzina per darle fuoco al suo rifiuto.

Le indagini sono state coordinate dal procuratore Francesco Paolo Giordano e dal sostituto Tommaso Grillo. Il Gip Michele Consiglio ha emesso il provvedimento di arresto con l’accusa di omicidio, maltrattamenti, lesioni, incendio e calunnia.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori