“Babbo Natale non esiste” ecco come Google infrange i sogni dei bambini

Secondo uno studio effettuato dall’agenzia britannica Technical Search Engine Optimization, 1,1 milioni di bambini inglesi apprendono  attraverso Google la verità sull’esistenza di Babbo Natale.

Basta una semplice ricerca a rovinare i sogni dei più piccoli e a metterli davanti alla cruda realtà. I genitori non dovranno più trovare le parole giuste, i cugini più grandi non potranno seminare il dubbio…

Secondo una ricerca inglese, sono sempre di più i bambini che scoprono direttamente dal motore di ricerca che Babbo Natale non esiste.

Una ricerca diffusa da Stephen Kenwright, direttore della Technical Search Engine Optimization dell’agenzia di marketing britannica Rise at Seven, illustra i risultati che ogni anno sono eseguiti su Google. In media 186.900 ricerche corrispondono alla domanda “Quanti anni ha Babbo Natale?” e 182.300 chiedono “Dov’è il Polo Nord?”. Circa 47.700 sono alla ricerca di risposte sull’esistenza degli elfi e se le renne possono effettivamente volare (3.900). Il report rileva la delusione dei bambini che digitano su Google “Babbo Natale esiste davvero?”. Un numero incredibile alto: 1,1 milioni.

Purtroppo lo studio rileva anche che ai bambini che scrivono su Google “Babbo Natale esiste davvero?” i primi link che appaiono sono proprio quelli che rispondono sinceramente a questa domanda. “Gli algoritmi di Google scelgono la risposta che meglio corrisponde alla domanda cercata, tenendo conto della sicurezza e dell’accuratezza dei fatti”, dice Kenwright.

Mentre ci sono gli “assistenti personali intelligenti”, come ad esempio Alexa, Google e Siri, che preferiscono dare risposte più creative, non confermando e nè negando la realtà. Un tipo di “diplomazia” che però può contribuire a rendere  “magico”  ancora per qualche anno il Natale, almeno ai più piccoli.

In fondo che male c’è nel credere ancora per un po’ nel vecchietto paffuto, vestito di rosso con la barba bianca, che vola per il mondo su una slitta trainata da renne?

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori