Bari, presepe di denuncia nella piazza del paese

Una natività particolare e di denuncia quella allestita dal comitato Feste patronali di Acquaviva delle Fonti, comune a circa 25 chilometri da Bari.

Il presepe del paese, che ha suscitato le critiche di diversi tradizionalisti, quest’anno è un duplice grido di allarme: da un lato l’emergenza migranti, dall’altro l’inquinamento. Giuseppe e Maria sono immersi in un mare di plastica. Gesù Bambino ha invece la pelle nera ed è adagiato in un salvagente arancione, lo stesso utilizzato durante un salvataggio in mare. Alle spalle dei tre nessun bue o asinello, ma un braccio con la pelle nera che emerge dall’acqua, simboleggiando un migrante che sta annegando. Attorno a loro solo rifiuti, reti rosse e boe di salvataggio.

Share This:

Un pensiero riguardo “Bari, presepe di denuncia nella piazza del paese

  • 26/12/2018 in 12:13
    Permalink

    veramente non siamo cristiani se lasciamo che un nostro fratello rischia di annegare o essere respinto mentre noi ci battiamo il petto autoproclamandoci cattolici cristiani

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori