Accadde oggi: il Boston Tea Party

16 dicembre 1773: Il Boston Tea Party fu un atto di protesta rivoluzionario e simbolico. Un episodio storico spia di una situazione sociale e politica che di lì a poco sarebbe esplosa…

Per capire l’importanza di un avvenimento storico come il boston Tea Party bisogna prima fare un passo indietro: nel 1765 il governo britannico aveva promosso una serie di leggi sulla tassazione delle colonie che avevano accresciuto nel giro di pochi anni il malcontento dei leader delle comunità coloniali (principalmente nel Nuovo Mondo) che non erano degnamente rappresentati in parlamento.

Il 16 dicembre 1773 John Hancock, uno dei più influenti rappresentanti dei coloni americani, organizzò un’azione di protesta volta al boicottaggio degli approvvigionamenti di tè esportato dalla Compagnia inglese delle Indie Orientali. Un gruppo di seguaci di Hancock travestiti da nativi americani, si infiltrò sulle navi inglesi e gettò in mare, nel porto di Boston, le casse conteneti il tè.

Il governo britannico fece passare allora il “Tea Act” che permise alla Compagnia delle Indie di vendere tè alle colonie senza l’obbligo di pagare tasse o dazi di alcun tipo al Regno Unito. Ciò permise alla compagnia di vendere il tè a metà del prezzo precedente e anche più economicamente di quello venduto in Inghilterra permettendole di contrastare anche le offerte del mercato di contrabbando.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori