Brexit, May propone all’Ue un rinvio al 30 giugno

Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk favorevole a una proroga fino a 12 mesi.

Theresa May, per evitare il rischio di un “no deal”, ha inviato una richiesta scritta all’Unione europea per un ulteriore rinvio della Brexit al 30 giugno (la scadenza attuale è il 12 aprile).

La May punta a un compromesso per sbloccare questa situazione di stallo, la lettera all’Ue ne è la conferma. La Premier indica l’obiettivo o di “un approccio unico” concordato con i laburisti nell’ambito dei colloqui avviati con Jeremy Corbyn, o in alternativa di un voto multiplo alla Camera dei Comuni.

Una richiesta di proroga che arriva nel giorno in cui il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk valuta una soluzione alternativa e “flessibile” all’uscita della Gran Bretagna, ossia un rinvio di addirittura 12 mesi oltre la data fissata. Un arco di tempo che consentirebbe al Parlamento britannico di riuscire ad approvare e a ratificare l’accordo di recesso dall’Ue. Secondo indiscrezioni provenienti da Bruxelles tale soluzione sarebbe compatibile con la richiesta della May di rinvio al 30 giugno.

Share This:

Giuseppe Secondulfo

Mi chiamo Giuseppe Secondulfo e sono uno studente laureando in lingue e letterature straniere presso l’Università di Napoli l’Orientale. Amo scrivere di calcio, reportages, e di attualità estera di cui sono un grandissimo appassionato. Nel tempo libero amo leggere, guardare documentari sull’arte, la cucina, approfondire la conoscenza delle lingue straniere e viaggiare. Sono un appassionato, oltre che del calcio, anche di tennis e di basket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori