Caos in Albania, l’opposizione contro il premier Rama

Continuano le proteste e i momenti di caos in Albania, che sta attraversando uno dei momenti più caotici della sua storia recente.
In questo weekend, centinaia di manifestanti hanno tentato di fare irruzione nella sede del governo lanciando bottiglie molotov e arrivando a degli scontri con la polizia che, qualche ora prima, aveva negato il permesso richiesto dal Partito Democratico di una mobilitazione di protesta permanente di fronte alla sede del governo.

L’opposizione ha accusato il premier Edi Rama di corruzione e collusione con la criminalità e Luzim Basha, capo del Partito Democratico, aveva annunciato la più grande ed importante manifestazione in Albania degli ultimi trent’anni.

Detto, fatto.

Ieri, dopo un intero weekend di proteste, i 43 deputati del Partito democratico – principale forza di opposizione nel Parlamento albanese – hanno rimesso il proprio mandato e non faranno più parte dell’assemblea nazionale, ed hanno rincarato la dose contro l’attuale governo indicando per il prossimo 21 febbraio una nuova e massiccia manifestazione prima per le vie di Tirana e poi, di nuovo, appena fuori la sede del governo.

Share This:

Giuseppe Secondulfo

Mi chiamo Giuseppe Secondulfo e sono uno studente laureando in lingue e letterature straniere presso l’Università di Napoli l’Orientale. Amo scrivere di calcio, reportages, e di attualità estera di cui sono un grandissimo appassionato. Nel tempo libero amo leggere, guardare documentari sull’arte, la cucina, approfondire la conoscenza delle lingue straniere e viaggiare. Sono un appassionato, oltre che del calcio, anche di tennis e di basket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori