Caso Lega-fondi russi, la procura apre un’inchiesta per “corruzione internazionale”

Salvini ha fatto dichiarazioni: ho fiducia nel ministro Salvini”, dice Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi in merito alla vicenda.

Il caso dei presunti fondi russi alla Lega è stato oggetto – nelle scorse settimane – di inchieste giornalistiche. Se ne sono occupati sia il sito americano BuzzFeed sia il settimanale L’Espresso. L’inchiesta è nata infatti dopo i primi articoli del settimanale che risalgono al febbraio scorso,  e dall’audio pubblicato sul sito BuzzFeed, con la voce di Gianluca Savoini, leghista presidente dell’associazione Lombardia-Russia, che a Mosca avrebbe trattato con alcuni russi per far arrivare fino a 65 milioni di dollari alla Lega nell’ambito di affari legati al petrolio.

Savoini, è ora indagato dalla Procura di Milano nell’ambito dell’inchiesta, la conferma arriva da fonti investigative.

La Procura di Milano era  già  in possesso da diverse settimane dei file audio relativi all’incontro del 18 ottobre scorso avvenuto nella hall dell’hotel Metropol di Mosca tra Gianlica Savoini, ex portavoce del ministro dell’Interno Matteo Salvini e fondatore dell’associazione Lombardia-Russia, e altre 5 persone. Tra loro ci sarebbe stato un manager vicino al Cremlino, un traduttore e una terza persona di origine russa, oltre a un avvocato italiano e a un altro interlocutore italiano.

“Mai preso un rublo, un euro, un dollaro o un litro di vodka dalla Russia”, commenta Salvini. “Io da Mosca ho sempre portato a casa solo  Matrioske, Masha e orso per mia figlia, chiunque dice il contrario mente”, ha poi sottolineato, nel corso di una diretta Facebook. “Siamo scomodi,  è evidente, siamo indagati e intercettati e processati non solo in Italia”.

“Qual è il ruolo di Gianluca Savoini per la Lega?Non lo so, chiedetelo a lui, parla a nome suo è ridicolo tutto quello che leggo sui giornali”.

Sulla vicenda dei presunti fondi russi alla Lega “parto da un concetto: quello della fiducia. Tra noi e i cittadini e all’interno della compagine di governo. Non ho sentito l’audio di cui si parla. Ho letto le sue dichiarazioni, io ho fiducia in lui. La magistratura faccia il suo corso. Ad ognuno le sue responsabilità, ben venga questa inchiesta”, ha dichiarato il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori