Champions League: male le italiane, un solo punto in tre partite

Parte la Champions League e le italiane soffrono e  Juventus, Roma e Napoli raccolgono un solo punto col pareggio dei giallorossi contro l’Atletico Madrid. 

Male i bianconeri che cadono malamente a Barcellona per 3-0 ed il Napoli che sottovaluta lo Shakhtar e perde 2-1 in Ucraina.

Il martedì di Champions era cominciato con lo 0-0 della Roma all’Olimpico contro l’Atletico Madrid di Simeone: non ha ben impressionato la squadra di Di Francesco che a dirla tutta si è salvata solo grazie alle parate del suo portiere Allison. I colchoneros, squadra esperta e più volte in finale di Champions in questi anni, si arrendono davanti alla bravura del portiere brasiliano, ma sono nettamente i più forti del proprio girone e non avranno difficoltà a passare agli ottavi di finale.

La Juventus, nella passata stagione, aveva messo al muro il Barcellona di Messi e Neymar. Perso il brasiliano, la squadra catalana non fa una grinza e rispolvera il miglior Messi degli ultimi due anni. E’ lui il mattatore della serata e la difesa bianconera si inchina davanti alla classe della “Pulce” argentina. Non semplice, quindi, il girone della Juventus. Ci vorrà un’inversione di tendenza non indifferente per qualificarsi come seconda del girone.

C’era troppo entusiasmo attorno al Napoli, squadra che veniva da ben cinque vittorie consecutive, tra preliminari Champions e campionato.

E dopo il sorteggio della fase ai gironi, in molti hanno sorriso prevedendo un passaggio agli ottavi semplice per gli uomini di Sarri. Tanti, però, non avevano fatto i conti con lo Shakhtar Donestk, squadra esperta e cattiva al punto giusto per vincere le partite importanti, soprattutto quelle in casa. Bisognerà tener conto della squadra ucraina per arrivare agli ottavi di finale della Champions League.

Gli azzurri, sbagliano l’approccio al match e pagano gli errori della difesa (colpita centralmente da Taison) e di Reina che, in occasione del secondo gol ucraino, sbaglia il tempo dell’uscita.

E’ Mertens, questa volta partente dalla panchina, che subentrato ad Hamsik, dà la scossa agli azzurri, guadagnandosi un penalty sacrosanto. Milik, dimezza le distanze, ma tutto questo non basta.

Finisce male, quindi, la prima giornata delle italiane in Champions.

Juventus, Napoli e Roma: serve una inversione di tendenza nella seconda giornata Champions a fine settembre.

In fondo, forse è meglio così. Male alla prima per vincere nelle altre giornate.

La musichetta Champions, siamo sicuri, l’ascolteremo ancora per tanto tempo

Share This:

Massimiliano Alvino

Inguaribile sportivo, ex calciatore ed ex arbitro di calcio, giornalista da giugno 2012. Mi piace tutto quello che si chiama Sport, ma amo anche il teatro ed il cinema. Amo la musica di Jamiroquai, Trainspotting il film che rivedrei all'infinito, il Napoli la mia unica fede. Prima o poi comincerò a scrivere libri...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori