Armando Siri, membro del Senato della Repubblica Italiana, è indagato per corruzione. Conte, di ritorno da Pechino, ha aperto le porte ad un incontro a Palazzo Chigi per provare a far luce sulla vicenda.
Tutto è partita da una intercettazione in cui Paolo Arata, consulente di Salvini, ma le intercettazioni che risalgono al settembre del 2018 non sono state ancora rese note.

La sopravvivenza del Governo non è minacciata dal caso Siri, come ribadito da Salvini, mentre Conte si è espresso in questi termini sulla vicenda “Confido di poter vedere Siri: non ho ancora fissato l’incontro ma sicuramente domani sarà il primo giorno utile per poterlo vedere”.

Share This:

Di Giuseppe Secondulfo

Mi chiamo Giuseppe Secondulfo e sono uno studente laureando in lingue e letterature straniere presso l’Università di Napoli l’Orientale. Amo scrivere di calcio, reportages, e di attualità estera di cui sono un grandissimo appassionato. Nel tempo libero amo leggere, guardare documentari sull’arte, la cucina, approfondire la conoscenza delle lingue straniere e viaggiare. Sono un appassionato, oltre che del calcio, anche di tennis e di basket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori