Corbyn, favorevole a un secondo referendum sulla Brexit

La proposta di un nuovo referendum sarà accompagnata anche da un piano Brexit diverso da quello negoziato con l’Unione Europea dalla prima ministra May.

Il partito laburista britannico sosterrà un secondo referendum sulla Brexit. Ad annunciarlo è stato il leader Jeremy Corbyn nella tarda serata di ieri, al termine di un’interna giornata in Parlamento.

Corbyn ritiene che Theresa May sia incapace di arrivare a un nuovo accordo con l’Unione europea e non vuole che si vada incontro a un no deal, un’uscita senza accordo. Secondo quanto sostenuto dal leader laburista, il Regno Unito dovrebbe mantenere maggiori legami con l’Ue e, soprattutto, restare nell’Unione doganale.

Jeremy Corbyn ha annunciato che il Labour sosterrà 3 emendamenti per allontanare il rischio d’una Brexit no deal laddove Theresa May non riesca a far passare un suo accordo con l’Ue. Tra questi uno è favorevole, in caso di stallo, alla convocazione di un secondo referendum.

Secca la replica della premier: un secondo referendum “sarebbe un tradimento della volontà popolare” espressa nel 2016, in quanto convinta che sia possibile un accordo il 29 marzo, nonostante le pressioni dell’Unione europea.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori