DAFNA Home Gallery: la mostra di Marcello Cinque prorogatafino al 20 dicembre

Alla luce del grande interesse riscontrato, la mostra di Marcello Cinque, in corso alla DAFNA Home Gallery  di Danilo Ambrosino ed Anna Fresa organizzata con Galerie Pièce Unique di Parigi di Marussa Gravagnuolo e Christine Lahoud  sarà prorogata fino al 20 dicembre. A corredo dell’iniziativa, l’artista mercoledì 30 novembre incontrerà alle ore 11.00, in un appuntamento aperto al pubblico, gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Napoli.

A  distanza di quattro anni dall’ ultima mostra a Napoli l’artista torna nella sua città natale con alcuni dei suoi lavori più significativi che ormai, già da tempo, lo hanno reso uno dei protagonisti della scena artistica contemporanea.

Il progetto espositivo comprende 9 sculture realizzate in gommaspugna e guaina liquida che occuperanno gli spazi esterni ed interni della DAFNA, insieme a 6 nuovi lavori pittorici, segnali leggeri, testimonianza e documentazione delle riflessioni artistiche di Marcello Cinque.

L’allestimento prevede la disposizione di alcune sculture sulla monumentale terrazza dello storico Palazzo dei Principi Albertini di Cimitile  con l’intento di fare dialogare le opere con segni, forme e testimonianze architettoniche del Settecento napoletano.

L’identità artistica di Marcello Cinque è incentrata sul binomio forma – materia. Questa dualità, evidenziata in ogni scultura,  è alla base del continuo ed irrefrenabile desiderio dello spettatore di avvicinarsi ai suoi lavori. La morbidezza della gommaspugna, l’elasticità della vernice, restituiscono allo spettatore l’incessante ed involontario movimento proprio delle creature viventi.  Le opere vivono e si adattano naturalmente allo spazio circostante, dando vita ad un luogo in cui ci si immerge alla ricerca di un continuo contatto con le forme esposte.

Le creature/sculture, prevalentemente ispirate alla fauna marina, hanno il peso, la struttura, la rappresentatività di un mondo onirico, le tracce della ferocia dello squalo sono alleviate dalla dolcezza delle pieghe con cui l’artista plasma la materia e dall’uso del monocromatico, così come la veloce struttura dei vortici e delle orbite planetarie sono totalmente avvolte nel silenzio della liquidità della forma.

“Napoli – dice Marussa Gravagnuolo direttrice di Piéce Unique – è la città a cui noi e Marcello siamo molto legati e poter proporre a distanza di anni  un diverso punto di vista del suo lavoro, ci sembra una  gran bella opportunità”

Con la mostra di Marcello Cinque, la DAFNA Home Gallery prosegue il suo lavoro di collaborazione con grandi realtà internazionali, incentrato sulla volontà di portare all’attenzione del pubblico napoletano significativi protagonisti del panorama artistico contemporaneo.

La mostra gode del patrocinio morale dell’Accademia di Belle Arti di Napoli.

Tra le attività organizzate a corredo dell’evento, venerdì 4 novembre 2016 presso la Fondazione PLART – Marcello Cinque sarà protagonista del workshop dal titolo “I Satelliti della Cultura”.

Marcello Cinque è nato a Ottaviano (NA) nel 1968. Vive e lavora a Sassari dove ha una Cattedra all’ Accademia di Belle Arti. Appassionato di fisica e di innovazioni tecnologiche, il suo lavoro é il risultato delle sperimentazioni di nuovi materiali come del loro adattamento alla sue sculture che, sebbene ispirate da un’ iconografia naturale, diventano astratte per il movimento – o l’assenza di movimento – che egli da’ loro.

Share This:

Rossella Napoletano

Laureata in lettere, filologia moderna e in procinto di conseguire un altro titolo accademico in scienze della formazione primaria, per non farsi mancare proprio nulla. Ama i cani, la letteratura, il cinema, gli anni 50 e i rossetti, vera e propria mania. I suoi hobby preferiti sono ballare il tango e cucinare. Si definisce inoltre una pantofolaia incallita, infatti il suo sabato sera ideale è: sul divano a guardare un bel film o una serie televisiva, mangiando pizza o altri cibi rigorosamente non salutari, perché almeno il sabato… "dobbiamo vedercene bene"!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori