Erdogan risponde all’Italia e la Turchia si allontana dall’Unione Europea

Vergognoso discorso del “Presidente” turco Erdogan contro Draghi e contro l’Italia. I vertici di palazzo Chigi tacciono, ma chi ha da perderci è proprio la Turchia.

Vergognoso discorso di Erdogan: risponde all’Italia ma così la Turchia si allontana dall’Europa

Troppo a lungo abbiamo taciuto e troppo a lungo un Presidente del Consiglio italiano non ha fatto sentire la propria voce. Dopo lo sgarro istituzionale ad Ursula Von Der Leyen durante la visita ufficiale con i vertici dell’Ue, l’affondo durissimo sta costando uno scontro istituzionale senza precedenti.

Erdogan ha risposto con vacuità senza alcun senso pratico, in un discorso che chiunque non faticherebbe a definire vergognoso. Il “Presidente” (anche se dittatore gli si addice molto di più) ha rivangato il passato ed il presente delle nostre istituzioni, ed ha detto che i rapporti tra i due Paesi sono ormai compromessi. Ben venga, dovremmo dire anziché rammaricarci. Iniziasse l’Europa a comportarsi da tale perché le parole di Mario Draghi non cadano nel vuoto.

“Un dittatore che fa comodo”, così è stato definito dal Presidente del Consiglio. Un dittatore che reprime libertà ed opposizione e che fa comodo all’Europa per la gestione dei profughi siriani. Quegli stessi profughi che, negli scorsi anni, morivano in naufragi cercando di aggirare la Turchia e raggiungere la Grecia. L’Unione Europea, che tra l’altro stava vagliando la richiesta di un ingresso della Turchia, dovrebbe stracciare quella richiesta per il bene anche e soprattutto del popolo turco. Da rivedere ci sarebbe anche quel vergognoso, e non è un’iperbole, accordo che foraggia le casse di Erdogan per “gestire” i flussi migratori. La domanda è: l’Unione Europea ne avrà il coraggio?

Leggi: Siamo Sommesi, Irollo: “Siamo soddisfatti del lavoro svolto, ora è il momento

Il garante Ciambriello: “Apprezzamento per l’avvio della campagna vaccinale”

Vaccinazioni, nessuna fuga in avanti: obiettivo lontano al netto dei proclami

Share This:

Daniele Naddei

Giornalista iscritto all'ordine dei Giornalisti Pubblicisti della Campania da maggio 2014. Caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

Cultura a Colori