Festa del Cinema di Roma, vince “Il vizio della speranza”

Si è conclusa domenica la tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, diamo uno sguardo ai vincitori. 

La Festa del Cinema di Roma, termina la sua tredicesima edizione con un buon risultato di pubblico e di critica. Questa grande evento proprio nella Capitale che è la culla del cinema italiano, è forse l’omaggio di Roma agli attori e registi che scelgono sempre più spesso la città eterna come set naturale dei film, cercando di ricreare la magia della Dolce Vita, simbolo del cinema italiano d’autore per eccellenza. Chi non conosce la celebre battuta “Marcello, come here!” che una splendida Anita Ekberg rivolge a Marcello Mastroianni mentre si immerge nell’acqua della Fontana di Trevi?

Tornando ai giorni nostri, “Il vizio della speranza” di Edoardo De Angelis e interpretato da Pina Turco vince il Premio del pubblico della Festa del Cinema di Roma 2018.

Il film diretto da Edoardo De Angelis e interpretato dalla compagna Pina Turco, coppia sia nella vita sia nel cinema, è stato premiato dal pubblico come miglior film del festival romano. La pellicola racconta la storia durissima di Maria che traghetta lungo il fiume le prostitute incinte, pronte a partorire per vendere il loro bambino a coppie senza figli. Il “Premio del Pubblico Bnl“, in collaborazione con il main partner della Festa del Cinema, BNL Gruppo Bnp Paribas, è stato assegnato dagli spettatori che hanno espresso il proprio voto sui film in programma nella selezione ufficiale. Il film arriverà in sala giovedì 22 novembre 2018, distribuito da Medusa.

“Jelly Fish” il film di esordio dello scrittore James Gardner vince la 16/a edizione di Alice nella città, sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma dedicata alle nuove generazioni. La storia racconta le vicende di Sarah Taylor costretta a dover scegliere tra le sue responsabilità di sorella maggiore e la sua passione per il teatro e per la commedia. La grande interpretazione di giovane attrice Liv Hill le permette di aggiudicarsi un altro premio con la Menzione Speciale opera prima MyMovies per la Miglior Interpretazione.

Il premio speciale della giuria per il miglior attore, invece, va all’attore Thomas Blanchard per “The Elephant and the butterfly” secondo lungometraggio della regista Amelie Van Elmbt prodotto dai Fratelli Dardenne con la produzione esecutiva di Martin Scorsese. Il film esplora la tensione tra reale e immaginario e mette in scena con grande delicatezza tutte le sfumature di tre giornate in cui una bambina si ricongiunge con il suo padre sconosciuto.

Il Premio giuria opera prima My Movies va a “The Harvesters“, mentre, il Premio Roma Lazio Film Commission, rivolto alle produzioni del Panorama Italia girate nel territorio del Lazio va allo zombie movie “Go Home”, opera prima di Luna Gualano, invece, per il concorso Internazionale Cortometraggi premiato la pellicola “Beauty” di Nicola Abbatangelo.

 

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori