Cinque curiosità nel nome di Quentin Tarantino

Lo scorso 27 marzo Quentin Tarantino, amato autore poliedrico e maestro del pulp, ha spento ben 54 candeline. Personaggio singolare, dal carattere forte e a tratti pazzoide, unico ed ineguagliabile nel suo genere. Personalità così complesse, creative ed uniche non nascono certo tutti i secoli!

E mentre il 3 aprile comincia la rassegna dedicata ai film dell’iconico regista, in onda ogni lunedì in prima serata su TV8 per celebrare il grande regista, noi di Cultura A Colori, pubblichiamo cinque curiosità su di lui.

  1. La scrittura di “Bastardi Senza Gloria” è durata ben 10 anni. Questo perché Tarantino non riusciva a trovare un finale adatto e decise dunque di accantonarlo e dedicarsi ad altro in attesa dell’ispirazione.

 

  1. In “Pulp Fiction”, Uma Thurman e John Travolta ballano sulle note di “You Never Can Tell” di Chuck Berry. La madre di Quentin Tarantino ha dichiarato di aver ascoltato tantissime volte questa canzone mentre era incinta del regista. Lui ha deciso dunque di onorarla, inserendo il brano nel film, in una delle scene più memorabili della storia del cinema

  1. Tarantino ha dichiarato esplicitamente di essere un feticista dei piedi femminili. Per questo motivo, nei suoi film ci sono spesso inquadrature ai piedi delle protagoniste.

  1. Nei suoi film molte volte avvengono crimini orribili e vengono usate diverse droghe. Tarantino però è assolutamente contrario a tutto questo, odia esplicitamente qualsiasi tipo di droga e il suo unico reato commesso in vita fu un taccheggio in libreria, quando era giovane.

 

  1. Quando decise di girare “Kill Bill – Volume 1”, Quentin aspettò Uma Thurman, unica prescelta per quel ruolo, poiché in quel periodo era incinta. Il sangue versato dalla bella e implacabile Uma nei due capitoli della saga abbonda. Per girare i due film la produzione ha utilizzato più di 1700 litri di sangue finto. Non a caso i personaggi uccisi nella pellicola son ben 95.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori