Legittima difesa, ecco le novità

In questi ultimi mesi il dibattito politico e sociale è stato occupato da un tema predominante, la riforma della legittima difesa.

Chiariamo subito un dubio, la legittima difesa nel nostro ordinamento è sempre esistita ed è prevista dall’art. 52 del codice penale “Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o altrui contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta, sempre che la difesasia proporzionata all’offesa“.

Nella nuova legge che oggi si voterà alla Camera  sono previsti dei correttivi.

Viene specificato che si considera legittima difesa la reazione a un’aggressione in casa, in negozio o in ufficio commessa di notte o all’introduzione con violenza, minaccia o inganno. Resta comunque ferma la necessità che vi sia proporzione tra difesa e offesa e l’attualità del pericolo ed è sempre esclusa la colpa di chi spara se l’errore, in situazioni di pericolo per la vita e la libertà personale o sessuale, è conseguenza di un grave turbamento psichico causato dall’aggressore.

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori