Sfilata Cruise di Gucci: in passerella rivive il cuore e l’anima del Rinascimento

Di sicuro è stata particolarmente apprezzata dagli estimatori dell’arte italiana la sfilata di moda uomo-donna firmata Cruise 2018 di Gucci, avvenuta nella Galleria Palatina di Palazzo Pitti a Firenze, la quale custodisce preziosissimi quadri del periodo rinascimentale, che sembrano aver preso vita grazie all’estro creativo della maison italiana. Una sfilata che oltre all’usuale prestigio ha regalato ai suoi spettatori uno spettacolo particolare e suggestivo tra retine di perle nei capelli, abiti ricamati e decorati, monili e gioielli dal gusto antico. Quindi non solo semplici modelle, quelle che hanno solcato la passerella sono state vere e proprie dame rinascimentali.

Così, nei volumi di una veste appare la Giuditta a Betulia di Sandro Botticelli e nelle trame di un tessuto viene ammirata la Giovanna Tornabuoni del Ghirlandaio. Gli accessori altrettanto evocativi e nei pendenti che adornano la fronte delle modelle imitano quelli di Bartolomeo Veneto che raffigura Lucrezia Borgia nelle sue tele. Ma sono solo alcuni dei personaggi rinascimentali riconoscibili durante l’evento.

Gucci ha ricreato capi e richiami tipici del Rinascimento che però si mescolano anche a elementi pop: pellicce, bomber stampati, occhialoni, frange, capi e accessori glitterati e tanto oro. Insomma un classicismo rivisitato: uno stile rinascimentale dal tocco rock.

 

Share This:

Rossella Napoletano

Laureata in lettere, filologia moderna e in procinto di conseguire un altro titolo accademico in scienze della formazione primaria, per non farsi mancare proprio nulla. Ama i cani, la letteratura, il cinema, gli anni 50 e i rossetti, vera e propria mania. I suoi hobby preferiti sono ballare il tango e cucinare. Si definisce inoltre una pantofolaia incallita, infatti il suo sabato sera ideale è: sul divano a guardare un bel film o una serie televisiva, mangiando pizza o altri cibi rigorosamente non salutari, perché almeno il sabato… "dobbiamo vedercene bene"!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori