Matrimonio low-cost: come sposarsi risparmiando

Continuano i consigli per incoronare il proprio sogno d’amore senza spendere una fortuna
1) Menù: Se proprio non volete prendere in considerazione un ricevimento a buffet
preferite la cena al posto del pranzo, escludendo i giorni del week end. Nel menù includete almeno una portata vegetariana che costa molto meno della carne e del pesce, in più accontenterete molti più palati, poco ma sicuro.
2) Bomboniere: così come per gli abiti una buona idea economica è quella di comprare bomboniere online che offrono prezzi più abbordabili rispetto ai negozi fisici. Oppure rivolgetevi a qualche artigiano che lavora in proprio con cui accordare un prezzo di favore, in più come risultato finale avrete pezzi unici, creati appositamente secondo i vostri gusti ed esigenze.
3) Fiori e addobbi: Un astuto accorgimento è utilizzare gli addobbi della chiesa anche per il ricevimento, difficilmente qualcuno ci farà caso. In generale, le piante sono di certo più economiche dei fiori o se proprio non volete rinunciare a fiori particolari ed esotici, sceglieteli solo per il vostro bouquet.

Spesso, temendo il giudizio degli altri o lo scontento dei nostri cari, si fanno scelte fuori dalla nostra portata, ed è anche comprensibile ma ricordate che i protagonisti del vostro matrimonio siete solo voi ( e le vostre tasche) perciò seguite il vostro istinto e abbiate il coraggio di osare. A questo punto cari signori, le scuse stanno a zero… vi tocca proprio sposare le vostre belle!

Share This:

Rossella Napoletano

Laureata in lettere, filologia moderna e in procinto di conseguire un altro titolo accademico in scienze della formazione primaria, per non farsi mancare proprio nulla. Ama i cani, la letteratura, il cinema, gli anni 50 e i rossetti, vera e propria mania. I suoi hobby preferiti sono ballare il tango e cucinare. Si definisce inoltre una pantofolaia incallita, infatti il suo sabato sera ideale è: sul divano a guardare un bel film o una serie televisiva, mangiando pizza o altri cibi rigorosamente non salutari, perché almeno il sabato… "dobbiamo vedercene bene"!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori