GLOW, ora sul ring di Netflix

Dal 23 giugno è disponibile su Netflix la prima stagione di GLOW, nuova serie con la produzione esecutiva di Jenji Kohan e Tara Herrmann di Orange is the New Black. Creata da Liz Flahive e Carly Mensch.

Ispirata al vero GLOW (acronimo di Gorgeous Ladies of Wrestling), programma televisivo che ha riscosso notevole successo negli Stati Uniti per cinque stagioni dal 1986 al 1992, la serie metteva sul ring le donne in uno scenario fino a quel momento a vocazione maschile.

Siamo nel 1985, e di certo nessuno si aspetta di vedere in televisione un gruppo di donne che lotta sul ring. Ambientata a Los Angeles, la serie racconta la storia romanzata di un’attrice disoccupata, Ruth Wilder, che in un ultimo tentativo di vivere i suoi sogni, trova lavoro in uno show settimanale sulle lottatrici femminili di wrestling.

A fare da protagonista in questa nuova comedy, non è soltanto il wrestling ma le donne e soprattutto i rapporti che si sviluppano tra di loro. In particolare quello tra Ruth (Alison Brie) e Debbie (Betty Gilpin), un legame che si spezza drasticamente all’inizio della stagione e che farà da colonna portante per tutti i dieci episodi.

Guardare GLOW è come viaggiare nel tempo e tornare dritti negli anni ’80. Le ambientazioni, le musiche, i capelli cotonati, i body glitterati, tutto è perfettamente ricostruito tanto da poter essere scambiato per un prodotto vintage.

Se amate le serie tv dove le protagoniste sono donne forti e determinate più che mai a raggiungere i propri obiettivi, allora prendetevi un pomeriggio libero e fate una scorpacciata di wrestling tutto al femminile.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori