Nobel per la Chimica: visibile struttura molecolare in 3D

Jacques Dubochet, Joachim Frank e Richard Henderson portano la biochimica in una nuova era e questo gli vale il Premio Nobel per la Chimica 2017, ricevuto a Stoccolma. Tutto merito della nuova tecnica d’avanguardia sviluppata dal trio, la microscopia crioelettronica.

In soldo la microspia crioelettronica è una tecnica che consente di rendere visibile la struttura tridimensionale delle proteine, quindi rende possibile studiare quelle che rendono i batteri resistenti agli antibiotici o quelle che si trovano sulla superficie del virus Zika. Le applicazioni sono state tante e si continua a trovarne di nuove, grazie ad una precisione di osservazione e studio delle strutture delle molecole biologiche – tramite una sorta di fotografia in 3D – che mai era stata raggiunta prima d’ora.

Questa tecnica è nata negli anni ’90 dal genio di Henderson, Frank e Dubochet, ma ci sono voluti tanti anni per riuscire a perfezionarla e a consentirne l’applicazioni nei moltissimi campi, alcuni dei quali ancora da esplorare. Conosciuta anche come microscopia “del freddo”, permette di guardare anche l’infinitamente piccolo, aprendo le porte all’era della “nanoscopia”. Il Comitato Nobel ha premiato il trio «per  aver portato la microscopia ottica nella nanodimensione. E aver superato il presunto limite scientifico secondo cui si riteneva che un microscopio ottico non potesse mai avere una risoluzione superiore agli 0.2. micrometri. […] (I loro lavori) consentono di visualizzare dei gruppi di molecole individuali all’interno delle cellule viventi.»

I tre Nobel provengono da diversi punti del Globo. Jacques Dubochet (74 anni) è di nazionalità svizzera ed è nato nel 1942 ad Aigle. Ha studiato nell’Università di Ginevra e poi in quella di Basilea, attualmente è Professore onorario di Biofisica nell’università di Losanna. Joachim Frank (77 anni) di nazionalità tedesca, è nato nel 1940 a Siegen, Germany e nel 1970 si è laureato nel Politecnico di Monaco. In seguito si è trasferito negli Stati Uniti, dove ha insegnato Biochimica e Biofisica molecolare nella Columbia University di New York. Richard Henderson (72 anni) è di nazionalità britannica. Nato nel 1945 a Edimburgo, si è laureato nel 1969 alla Cambridge University e ha continuato a lavorare a Cambridge nel Laboratorio di Biologia molecolare del Medical Research Council (Mrc)

Share This:

Mara Auricchio

Amo l'arte in ogni sua forma ed espressione, viaggiare e caffè&chiacchiere con gli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori