Brexit. May chiede aiuto all’Ue. Merkel non cambia idea.

La premier Theresa May chiede aiuto per difendersi dalle critiche interne.

(Photo credit should read TOBIAS SCHWARZ/AFP/Getty Images)

Ma lo chiede ai leader Ue durante una cena dei capi di Stato e governo a Bruxelles, e subito riceve una risposta gelida da Angela Merkel, che non cambia la sua posizione e sostiene che i negoziati necessitano di un “processo graduale” che “non si completerà in poche settimane”. La discussione, quindi, slitterà a dicembre, quando a Londra si negozieranno le condizioni per la separazione.

Dopo il discorso di Firenze di May, la Merkel dichiara in conferenza stampa: «segnali molto chiari da parte britannica, ma non sufficienti per iniziare la seconda fase». Si riferisce alla seconda fase dei negoziati per le relazioni future e per il periodo transitorio, che si prospettano essere complicati quanto quelli della prima fase. Sull’Irlanda, ha aggiunto: «siamo quasi tutti della stessa opinione che l’accordo del Venerdì santo deve essere salvaguardato»

Share This:

Mara Auricchio

Letterata. Amo l’arte in ogni sua forma ed espressione, viaggiare e caffè&chiacchiere con gli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori