L’attività aerobica potenzia il cervello

L’attività aerobica aiuta la memoria, alimenta e potenzia il cervello e ne contrasta l’invecchiamento. Questo quanto si evince dallo studio di Joseph Firth pubblicato sulla rivista Neuroimage.

L’attività fisica, quindi, sulla base di queste ricerche potrebbe essere considerata un programma di mantenimento per il cervello.

Firth ha portato avanti, grazie alla collaborazione internazionale con la Western Sydney University e la University of Manchester, una meta-analisi di precedenti studi per un totale di 734 persone coinvolte. Uno studio unico nel suo genere perché fino a questo momento mancava nel panorama medico un lavoro conclusivo che riportasse in maniera chiara le prove dei benefici dello sport sul cervello.

Quindi dai risultati  emerso che l’attività sportiva contrasta il naturale restringersi del cervello, che avviene a un tasso del 5% ogni decade che passa dopo i 40 anni. Favorisce la crescita della parte sinistra dell’ippocampo (sede principale della memoria nel cervello) e potenzia le capacità mnemoniche.

Si spera che a partire da questi dati, sia possibile trovare applicazioni nella prevenzione delle demenze. Intanto, meglio correre in palestra!

Share This:

Mara Auricchio

Letterata. Amo l’arte in ogni sua forma ed espressione, viaggiare e caffè&chiacchiere con gli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori