Salento: il ritorno dei lupi dopo 100 anni

Le immagini delle fotocamere nel Parco naturale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase hanno registrato la presenza di almeno un cucciolo di un anno e due individui adulti.
Dopo un secolo di assenza è tornato il lupo nel Salento: lo rendono noto dal Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase comunicando i risultati di uno studio che era stato avviato nel 2016. La prova scientifica, la prima in assoluto, arriva dell’esame del Dna eseguito dai medici veterinari dell’area C del servizio Asl di Lecce sulla carcassa di un ovino trovato in località Bonocore, agro di Nardó, dove già si erano avute segnalazioni di avvistamenti di lupi. La traccia biologica estratta col tampone salivare dall’ovino aggredito è risultata essere quella di un lupo.

Le indagini scientifiche hanno portato a documentare anche attraverso rilievi fotografici la ricomparsa del lupo nella penisola salentina. Gli esiti risultano in linea con un trend generale su una ricolonizzazione in corso da parte di questa specie in tutto il Sud Italia.

Il ritorno dei lupi nel Salento, dopo un’assenza lunga 100 anni, potrebbe essere attribuito alla naturale espansione della popolazione, che negli ultimi anni ha occupato il centro e le zone di bassa collina spingendosi vicino alle grandi città e in aree che non venivano considerate particolarmente adatte a questa specie. “Di fondamentale importanza – spiega il biologo del Parco, Francesco Minonne- sarà lo studio comportamentale di questa specie circa la salvaguardia e la tutela del bestiame contro eventuali aggressioni”.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori