Malesia: ritrovata la lanterna delle fate

In realtà la scoperta risale a 151 anni fa, quando un botanico italiano trovò la pianta nel cuore di una foresta in Malesia. Da allora la prova dell sua esistenza era un disegno sul taccuino del botanico.

Era il 186 quando il botanico Odoardo Beccari trovo il primo esemplare di Thismia neptunis. Si pensava che quella strana pianta fosse esistita solo nei sogni del botanico. Invece  esiste davvero ed è nelle foreste della Malesia. Una pianta vampiro che succhia il nutrimento dai funghi. La storia della scoperta è affascinante. Beccari, che conobbe Charles Darwin,  quando aveva appena 22 anni salpò insieme a James Brooke, il Rajah di Sarawak, e al genovese Giovanni Doria alla volta della Malesia. Fu lì che nel 1866 in una foresta pluviale dell’area di Gunung Matang a Sarawak  scovò questo particolare tipo di “lanterna delle fate”. Le diede il nome e fece un disegno sul suo quaderno senza sapere che, per centinaia di anni, sarebbe stato l’unico indizio dell’esistenza di questa pianta aliena e parassita. La Thismia infatti non è facile da avvistare: si sviluppa nel sottosuolo e soltanto durante la fioritura arriva in superficie. Michal Sochor, del Crop Research Institute di Olomouc della Repubblica Ceca, nel gennaio 2017 durante una spedizione ha avuto la fortuna, insieme ai membri del suo team, di scovarne alcuni esemplari proprio nella stessa area dove la avvistò Beccari. La recente scoperta fa pensare a quali altre piante misteriose siano nascoste tra le pagine dei diari di Beccari.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori