Francia – Italia, atto I: l’Unione Europea traballa

Si sta uscendo dal semplice dibattito politico. Macron non vuole chiedere scusa, il governo si impunta ed alza il muro nel mare.

Sarà un fosso, o meglio una voragine. Ecco cosa dovranno affrontare i migranti nel passaggio per il Mediterraneo. Le barcacce si scontreranno con il governo di ferro che Salvini e Di Maio hanno messo in piedi. Un muro che divide e che rischia di distruggere i rapporti con l’Europa che vuole l’integrazione.

Parigi: Macron contro Conte, boicottato l’incontro

Salvini ha commentato così la situazione: “L’Italia non merita gli insulti francesi, Macron passi dalle parole ai fatti, perché senza scuse ufficiali Conte fa bene a non andare a Parigi”.

Si è arrivati ad uno strappo perché, come riporta l’Ansa, né Conte né Macron sono disposti ad avvicinarsi. E’ guerra tra vicini, una diplomazia che non conviene alla pulce che mostra i muscoli. In questo caso il nuovo governo sembra esattamente Davide che mostra i muscoli a Golia.

La nuova frontiera: il caso Acquarius è già una vergogna

Che cosa ne sarà di Acquarius? Tutti nelle carceri libiche. Non esiste altra scelta se l’Italia continuerà a mostrare i muscoli con le Ong ai poveri migranti non resterà che essere torturati ed uccisi in Libia. E’ uno scontro che, ci possiamo giurare, non sarà semplice da risolvere.

Share This:

Daniele Naddei

"Giornalista iscritto all'ordine dei Giornalisti Pubblicisti della Campania da maggio 2014. Appassionato di politica, sport ed attualità, il tutto incorniciato dalla passione per la scrittura e per il giornalismo".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori