Caserta: bimbi malmenati, sospese quattro suore

Le indagini sono partite dopo le denunce presentate da alcuni genitori. Le religiose, responsabili della gestione e delle attività didattiche dellʼistituto, sono indagate per maltrattamenti aggravati.

Quattro suore, due filippine, una indonesiana e la madre superiora italiana, responsabili delle gestione di una scuola paritaria dell’infanzia in provincia di Caserta, sono state sospese per dodici mesi dall’insegnamento su ordine del Gip del Tribunale di Napoli Nord per maltrattamenti aggravati ai danni di cinque alunni di età compresa tra i 3 e i 5 anni. La superiora, secondo quanto riferiscono i Carabinieri, non ha partecipato ai maltrattamenti ma non li avrebbe neanche impediti.

Le indagini, coordinate dalla procura della Repubblica di Napoli Nord e condotte tra aprile e maggio, sono iniziate in seguito alle denunce presentate ai carabinieri di San Marcellino da parte dei genitori di cinque alunni dell’istituto di età compresa tra i 3 e i 5 anni che, all’interno delle mura domestiche, avevano manifestato profondo disagio e strani cambiamenti di umore. L’attività d’indagine, condotta anche grazie all’utilizzo di videocamere, ha permesso di documentare gravi episodi ai danni dei piccoli. In particolare schiaffoni, strattoni, capelli tirati. I bambini – secondo quanto riferito dagli investigatori – venivano anche chiusi in una stanza buia se non finivano presto di mangiare.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori