“Una sera incontrai un ragazzo gentile”, la mostra sulle note di Nada

La Biennale di Chiavenna ospita la sesta edizione de “Il Vuoto e le Forme” con “Una sera incontrai un ragazzo gentile”, una mostra incentrata sul tema più antico che l’uomo conosca: l’amore.

L’ispirazione trae spunto dalla canzone di Nada “Amore disperato”, che infatti è anche il tema interpretato dai 24 artisti facenti parte della collettiva – tra cui si citano Ettore Greco, Donato Frisia jr., Mario Paschetta, Fulvia Zambon -.

“Una sera incontrai un ragazzo gentile” è il nome scelto per la mostra che sarà fruibile al pubblico dal 22 luglio al 7 ottobre nella Chiesa dell’ex Convento dei Cappuccini, a Palazzo Vertemate, Palazzo Pretorio e Palazzo Comunalre.

La curatrice, Anna Caterina Bellati spiega una scelta tanto particolare: “La mostra esplora, a più voci, il senso e il significato del rapporto d’amore vissuto nel mondo d’oggi. Per questo ritengo che l’evento si presti a essere fruito da persone di qualunque formazione culturale, provenienza sociale o età”.

Gli artisti che prendono parte e che sono presenti in esposizione: Antonio Abbatepaolo, Massimo Barlettani, Carlo Cane, Carmela Cipriani, Marco Cornini, Diego Dutto, Martine Della Croce, Donato Frisia jr, Ettore Greco, Anna Lorenzini, Paola Madormo, Susanna Magrin, Marco Martelli, Peggy Milleville, Filippo Negroni, Mario Paschetta, Tobia Ravà, Luana Segato, Alessandro Spadari, Marialuisa Tadei, Teresano Sara, Fulvia Zambon, Alessandro Zannier, Elisabetta Zanutto

ORARI

Martedì, Mercoledì, Venerdì: 15.30>19.00

Giovedì, Sabato e Domenica: 10.00>12.00 e 15.30>19.00

Lunedì: chiusura

Share This:

Mara Auricchio

Amo l'arte in ogni sua forma ed espressione, viaggiare e caffè&chiacchiere con gli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori