Julie Italia, Iannone, ex arbitro: “Rigore Napoli-Cagliari? Chiffi non ha sbagliato”

Antonio Iannone, ex arbitro, è intervenuto in diretta a “Donne Nel Pallone”, programma di Sonia Sodano in onda su Julie Italia,sulla questione del rigore Napoli-Cagliari

IannoneIannone, alla domanda di cosa pensasse di  Carlo Ancelotti al Napoli, ha risposto: << Alla luce di quanto abbiamo visto noi tutti lo scorso anno con un Napoli veramente molto molto competitivo e che ha fatto vedere veramente eccellenti cose. Con questa nuova guida tecnica, il rafforzamento di Carlo Ancelotti, le aspettative erano abbastanza alte. Per cui si seguiva questo trend che sulla carta doveva essere foriero di una stagione esaltante. L’abbiamo vissuta nelle competizioni europee con molta dignità, grandi successi e per un pelo abbiamo sfiorat la qualificazione in Champions. In Europa League non siamo usciti come volevamo. Diciamo che il cammino europeo è stato a mio avviso un cammino buono. In Campionato, invece, secondo me, e lo stesso Ancelotti si rimprovererà, anche lui per scelte tecniche, per atteggiamento tattico, una serie di cose il cui rendimento è sotto le aspettative.>>

Il rigore Napoli- Cagliari

Sul rigore Napoli- Cagliari, argomento principale discusso dai tifosi in queste ultime settimane, ha spiegato:<< E’ una situazione difficile perché è una situazione limite e perché avviene negli ultimi secondi di una gara dove il Cagliari, prima in vantaggio, si vede raggiungere e infine anche superata. Quindi capiamo il dirigente del Cagliari che si lascia andare a quel genere di esternazioni. Andando sotto l’aspetto tecnico, come le dicevo è una situazione limite, perché a velocità normale anche a me, in diretta, non era parso calcio di rigore. Però purtroppo, o meglio, per questa nuova applicazione Var, che mi vede favorevole, giustamente l’episodio non viene solo giudicato dall’arbitro o gli assistenti che sono sul terreno di gioco ma c’è in camera Var un altro arbitro che va ad analizzare quello che è successo. Quando Mariani, l’arbitro Var, va a rivedere le immagini scopre con un applicazione, che noi fino a domenica sera prima dell’uscita del designatore Rizzoli in televisione non conoscevamo, va a vedere attraverso il cross ir, un 3D, che chi è in camera Var  riesce a vedere instante per istante, non solo, dove avviene la giocata, se dentro o fuori, ma anche bene la fattispecie. Prima il sotto barccio e poi l’altro braccio, quindi andando ad analizzare il tutto e facendolo vedere, richiamando Chiffi al monitor è chiaro che di fronte ad un’evidenza, perché purtroppo il Var è un’evidenza,  la decisione presa dall’arbitro è corretta>>

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori