Kiev, Babchenko è vivo: la sua morte è stata una messa in scena

Il giornalista russo è apparso in una conferenza stampa con il capo dei servizi di sicurezza ucraini a Kiev. “Ringrazio gli 007, mi hanno salvato la vita”, ha affermato il cronista.

Arkady Babchenko, il giornalista russo dato martedì sera vittima di un assassinio a Kiev, in realtà è vivo: a meno di 24 ore dalla sua presunta morte si è presentato a una conferenza stampa con il capo dei servizi di sicurezza ucraini a Kiev. La sua morte, ha detto quest’ultimo, è stata una messa in scena per catturare «chi voleva attentare alla sua vita».

Lo hanno riferito i servizi segreti ucraini, precisando che “è stato scoperto un piano per assassinare il cronista ed è stata organizzata un’operazione speciale durante la quale sono state raccolte prove inconfutabili dell’attività terroristica dei servizi speciali russi”.

“Gli 007 mi hanno salvato la vita” – “Chiedo scusa a tutti, e anche a mia moglie, per l’inferno che hanno dovuto sostenere, ma non c’era altra alternativa. Ringrazio i servizi ucraini per avermi salvato la vita”, ha dichiarato Babchenko in conferenza stampa. “L’operazione speciale è stata preparata per due mesi, io sono stato messo al corrente un mese fa. Hanno lavorato come matti e l’operazione ha portato alla cattura di un uomo”.

Babchenko ha prestato servizio nell’esercito russo durante le guerre in Cecenia, prima di diventare giornalista. Ha lavorato come corrispondente militare per diversi organi di stampa russi, compresa la testata dell’opposizione Novaya Gazeta, impegnato a raccontare i conflitti in Georgia e Ucraina.

Negli ultimi anni il reporter ha aspramente criticato le operazioni di Mosca in Siria e Ucraina. “Qui non mi sento più sicuro”, aveva scritto elencando tutte le minacce che aveva ricevuto, così lasciò la Russia nel febbraio 2017, riparando prima a Praga e poi a Kiev, preoccupato che in patria potesse anche venire incarcerato.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori