Una Pasqua doppiamente solidale quella di quest’anno. Verso i produttori locali piegati dal peso di una crisi senza precedenti e per le associazioni, che offrono sostegno a tanti progetti importanti.

I nostri sono solo piccoli suggerimenti, ma ci sono davvero tante realtà tra cui scegliere, se vogliamo prestare sostegno. La piccola cioccolateria di quartiere, l’artigiano con il suo negozietto che può realizzare un monile personalizzato da mettere nell’uovo di cioccolato.

Queste indicazioni, dunque, non pretendono di essere esaustive: vogliono solo indicare che una Pasqua locale e solidale e forse un pochino più gustosa e dolcemente ricolma di speranza è possibile. Un vero e proprio passaggio verso orizzonti più luminosi.

Se volete omaggiare la tradizione, senza rinunciare a quel friccico di innovazione che incuriosisce le papille gustative niente di meglio della Sfogliacolamba di Vincenzo Ferrieri e il suo SfogliateLab. Due le versioni: il classico incontro tra la sfogliatella partenopea e la colomba o la variante al cioccolato, farcita dentro e fuori. Ma c’è posto, sul bancone e nello stomaco, anche per il casatiello e le pastierine.

Se siete indecisi tra le varie leccornie del Sud e non sapete decidervi per l’una o per l’altra, c’è una piccola e tenace startup nata da pochissimo che si prefigge di far conoscere le eccellenze territoriali su scala ecumenica, attraverso una piattaforma di marketplace ed e-commerce che vuole aiutare le aziende locali ad aumentare i mercati di riferimento, sia in Italia sia all’estero: è Accatta Online.

La solidarietà, poi, parla il linguaggio delle associazioni e delle realtà che vogliono sostenere chi è in difficoltà, ancora più isolato in una lotta impari, in questo momento così difficile.

L’Ail, l’Associazione Italiana per la lotta alle leucemie, nasconde in ogni uovo un progetto da realizzare cui corrisponde un sogno.

L’Aism, l’Associaziione italiana per la lotta alla sclerosi multipla, tra i suoi regali solidali propone i cioccolatini del cuore.

La Nexo Chocolate per ogni uovo acquistato donerà 3 euro all’associazione Cesvi, in prima linea nella lotta al Coronavirus.

La Fondazione Santa Rita D’Acascia, assieme al monastero, con le sue rose profumate sostiene vari progetti tra cui l’Alveare di Santa Rita, per circondare d’affetto e sostenere minori in difficoltà economica e sociale: sono le apette.

Anche la grande distribuzione prova a dare il suo contributo solidale. Lo fanno i supermercati Coop con l’uovo Pasqua Solidal, prodotto con cacao equo e solidale acquistato nei Paesi in via di sviluppo senza intermediari, con certificazione etica Fairtrade.

Una Pasqua davvero buona!

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori