Lady Gaga torna al cinema con Ridley Scott

La popstar interpreterà l’ereditiera Patrizia Reggiani condannata per l’assassinio dell’ex marito Maurizio Gucci.

«Sii Patrizia Reggiani», le avrebbe chiesto Ridley Scott, deciso a portare al cinema l’omicidio Gucci.

La superstar del pop Lady Gaga, premiata con l’Oscar per la canzone Shallow nella colonna sonora del film A Star Is Born darà volto alla “Vedova Nera”, condannata come mandante dell’uccisione di Maurizio Gucci, nipote di Guccio Gucci, fondatore della casa di moda italiana.

Una parte decisamente molto impegnativa per Gaga che si troverà a dover raccontare una storia molto delicata che ha sconvolto il mondo della moda. Ma soprattutto una storia che da anni Ridley Scott vuole portare sul grande schermo e che è basata sul libro The House of Gucci: A Sensational Story of Murder, Madness, Glamour, and Greed.

La biografia, scritta da Sara Gay Forden e adattata da Roberto Bentivegna, è il resoconto di quanto successo allo stilista italiano, ucciso da una moglie ferita.

La storia della dinastia della famiglia Gucci sarà incentrata sull’omicidio del presidente, Maurizio Gucci, nel 1995 per mano di un mandante pagato dalla moglie, Patrizia Reggiani, e sulle conseguenze che quel gesto ha scatenato per la grande famiglia proprietaria di una delle case di moda più famose al mondo.

Patrizia Reggiani ha sposato Maurizio Gucci, erede dell’omonimo impero, nel 1973. Ma la favola è durata poco. Dodici anni più tardi, con la scusa di un viaggio d’affari, Gucci ha lasciato la moglie e le due figlie.

Maurizio Gucci ha lasciato la famiglia per una donna più giovane, Paola Franchi. E la Reggiani, ferita, ha ordito la propria vendetta. Dal divorzio del 1991 il risentimento della “vedova nera” verso il marito divenne pubblico, arrivò a dire in continuazione che lo avrebbe voluto morto. Nel 1995, la donna ha ordinato l’omicidio del marito. Maurizio Gucci è morto il 27 marzo 1995, nell’atrio del suo palazzo. Un uomo gli ha sparato quattro colpi, due alla schiena, uno al gluteo destro, e l’ultimo, il fatale quello sparato alla tempia.

Solo nel 1997 la polizia è riuscita a processare l’assassino, individuando la Reggiani come mandante dell’omicidio. La donna, in appello, è stata condannata a 26 anni di carcere ed è tornata libera nel febbraio 2017.

Dopo il successo di A star is born, la popstar sarebbe pronta a misurarsi con il suo secondo ruolo cinematografico in un adattamento della triste vicenda Gucci firmato niente meno che da Ridley Scott, mentre la dovrebbe essere affidata a Roberto Bentivegna. Per Lady Gaga sarà l’occasione per scavare nelle sue origini italiane, e prestare il suo volto camaleontico a uno dei personaggi più controversi della storia della moda italiana.

Al momento non si conoscono ulteriori dettagli riguardo agli altri interpreti o alla data di uscita della pellicola, che, si preannuncia già un successo.

Un altro Oscar per la Germanotta?

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori