Lavoro, in Italia disoccupazione in calo del 9,9%

Sono 130 mila gli occupati in più nel secondo trimestre. Lo dice l’Istat che certifica il calo della disoccupazione, è il dato più basso dopo il quarto trimestre del 2011. 

Scende al 9,9% (-0,4 punti) il tasso di disoccupazione in Italia nel secondo trimestre dell’anno. Lo comunica l’Istat, che ha diffuso i dati sul mercato del lavoro. A livello trimestrale è il dato più basso dopo il quarto trimestre del 2011 (9,2%).

Nel trimestre è continuato anche l’aumento dei dipendenti a tempo indeterminato (+97mila, pari allo 0,7%) che trascina il dato sul numero degli occupati: sono 130mila unità in più (+0,6%) del trimestre precedente. In maniera “meno intensa” sale anche il numero dei dipendenti a termine (+16mila, +0,5%) e degli indipendenti (+17mila, +0,3%).

L’Istat segnala che prosegue ma “a ritmi meno sostenuti” anche la crescita rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso, con +78 mila occupati (+0,3%), dovuta ai dipendenti permanenti (+112 mila, +0,7%) a fronte del calo di quelli a termine (-15 mila, -0,5%) e indipendenti (-19 mila, -0,4%).

L’Istat ha pubblicato anche i dati relativi alla ricerca del lavoro da parte degli italiani. Ne risulta che, per i nostri connazionali rivolgersi a parenti e conoscenti rimane la pratica più diffusa per trovare un impiego (82,7%, -0,7 punti). Seguono l’invio di curriculum (65,4%, -0,5 punti) e la ricerca su Internet (55,6%, -2,0 punti). Aumenta tuttavia sia la quota di disoccupati che ha contattato il Centro pubblico per l’impiego sia quella di quanti si sono rivolti alle agenzie di somministrazione.

 Carta dei doveri dell’informazione economica

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori