“Reina? Non condivido la sua posizione, poteva andar via da subito” queste le parole di Mimmo Malfitano, giornalista della Gazzetta Dello Sport intervenuto a Globuli Azzurri trasmissione televisiva ideata e condotta da Samuele Ciambriello in diretta sulle frequenze JulieItalia( canale 19 del digitale terrestre e 903 di Sky).

Il giornalista ha commentato la partita contro l’Atalanta dichiarando “Sicuramente una partita a due facce. Nel primo tempo un Napoli sofferente costretto nella a subire il pressing alto dell’Atalanta. Nonostante Sarri curi in maniera maniacale la fase difensiva, sulle palle inattive soffriamo troppo”.

Malfitano ha poi commentato le scelte degli allenatori “Gasperini ha tolto le castagne dal fuoco a Sarri. Ha tolto Petagna ed ha commesso quindi un grave errore tattico perché l’attaccante era il punto di riferimento offensivo che Ilicic non poteva essere. Sarri invece ha saputo ribaltare il centrocampo, nel secondo tempo al posto della qualità ha preferito la quantità, maggiore freschezza fisica ed atletica. La crescita di questi ragazzi (Rog, Zielinski e Diawara) è stata esponenziale. Reina? Condivido la posizione del presidente. Pepe ha avuto tre mesi per poter comunicare l’intenzione di voler andar via e trovo quanto meno irriguardosa questa sua presa di posizione nei confronti di chi è andato a salutare con le lacrime allo stadio“.

Oltre a Mimmo Malfitano è intervenuto in trasmissione anche l’allenatore Hugo Maradona che ha dichiarato “Un giocatore che mi sta deludendo? Assolutamente nessuno! Sono tutti all’altezza di questa grande squadra che si è creata”.

Il fratello del Pibe de Oro ha commentato la partita con l’Atalanta analizzando i punti chiave del match “Ho preferito il secondo tempo, un primo tempo impreciso da parte della squadra; mancava fiducia che è arrivata col goal di Zielinski. Per quanto riguarda Reina, io credo che un altro come Pepe non si trovi, bisogna dargli fiducia. Il posto del portiere è molto difficile e Reina possiede tutte le qualità per trasmettere tranquillità alla difesa. Scudetto? Non si dice questa parola”.

Share This:

Di Giuseppe Secondulfo

Mi chiamo Giuseppe Secondulfo e sono uno studente laureando in lingue e letterature straniere presso l’Università di Napoli l’Orientale. Amo scrivere di calcio, reportages, e di attualità estera di cui sono un grandissimo appassionato. Nel tempo libero amo leggere, guardare documentari sull’arte, la cucina, approfondire la conoscenza delle lingue straniere e viaggiare. Sono un appassionato, oltre che del calcio, anche di tennis e di basket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori