Maltempo, emergenza in Lombardia

I forti temporali hanno provocato danni e centinaia di evacuati. Paura nel Lecchese.

La Lombardia è stata investita da un’ondata di piogge che hanno causato frane, smottamenti, allagamenti. La Regione si sta già preparando a calcolare i danni per chiedere lo stato di emergenza nazionale. A Como il lago è esondato ed è stata chiusa la strada che costeggia il Lario, l’innalzamento dell’acqua ha imposto la chiusura completa al traffico. Alle 13.30 era quota 123 cm, tre in più della soglia di esondazione.

La situazione più difficile si è registrata però nel Lecchese dove si è temuto per la diga di Pagnona: solo nel pomeriggio è stata revocata l’allerta per il superamento delle quote massime dell’invaso.

A causa di un nubifragio il torrente Varrone è straripato nei pressi della foce nel comune di Dervio (Lecco), riempiendo di acqua, fango e detriti strade e cantine. Circa 600 persone sono state evacuate per alcune ore dalle case che sorgono lungo il corso d’acqua. Rfi ha annunciato che la circolazione ferroviaria sulla linea Lecco-Tirano-Chiavenna è stata sospesa tra Colico e Delebio e tra Dervio e Bellano.

Mobilitazione generale per Vigili del fuoco, Carabinieri e nuclei di pronto intervento della Protezione civile con centinaia di volontari. Particolarmente ingenti i danni materiali ma non si registrano al momento feriti. 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori