Manovra: salta il vincolo sui fondi per curare i migranti

Dal 2019 le Regioni potranno spendere anche per altri scopi i fondi finora vincolati a garantire l’assistenza sanitaria agli stranieri non iscritti al Servizio sanitario nazionale. Questo almeno è quanto previsto da un emendamento dei relatori alla legge di bilancio.

I 30,99 milioni ad oggi “vincolati” all’assistenza agli immigrati con questo articolo, a partire dal 2019, “confluiranno nella quota indistinta del fabbisogno sanitario standard nazionale”. Saranno quindi ripartiti tra le Regioni secondo criteri e modalità “in materia di costi standard”. In pratica, ogni Regione procederà in autonomia ma non ci saranno più garanzie per l’assistenza nei confronti di una delle fasce meno protette della popolazione. La regione Lazio si prepara ad andare in controtendenza. Il governatore, Nicola Zingaretti, commenta: “È un fatto grave, soprattutto per le regioni che come il Lazio hanno una incidenza maggiore di migranti. Ma è ancora più grave perché quando si abbassano i diritti e i livelli di assistenza sanitaria delle persone c’è un arretramento culturale e sociale che colpisce tutti noi”.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori