“Il porto sepolto”, confluita nel 1942 nella raccolta L’allegria, di Giuseppe Ungaretti. E’ questa una delle tracce per la prima prova scritta dell’esame di maturità 2019.

E’ partita la nuova Maturità 2019 con la prova di italiano. “L’esame di Maturità è stato avviato in modo ordinato e tutto procede tranquillamente”. E’ quanto rendono noto fonti del Miur. La maggioranza degli studenti starebbe scegliendo le tracce di attualità in particolare, quella tratta dal discorso del prefetto Dottor Luigi Viana, in occasione delle celebrazioni del trentennale dall’uccisione del Prefetto Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa della moglie Emanuela Setti Carraro e dell’agente Domenico Russo e quella , su sport e storia, che parte dall’articolo del giornalista Cristiano Gatti pubblicato su Il Giornale, che parla della vittoria al Tour de France di Gino Bartali. E’ quanto emerge secondo prime indicazioni arrivate alla community di studenti ScuolaZoo. Corrado Stajano e “Eredità del Novecento”, e anche Leonardo Sciascia, sono tra le altre tracce. Testo argomentativo 1: la traccia parte da un testo tratto da Tommaso Montanari, “Istruzioni per il futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà”, sul valore del patrimonio culturale, rende noto Skuola.net.

Testo Argomentativo 2: la traccia parte da un testo tratto da Steven Sloman – Philip Fernbach “L’illusione della conoscenza”
Testo argomentativo 3: l’eredità del novecento, con brano tratto dall’introduzione di Corrado Stajano, giornalista e scrittore, alla raccolta di saggi “La cultura italiana del Novecento”. Viene poi proposto un testo in occasione delle celebrazioni del trentennale dell’uccisione del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, fa sapere la community di studenti ScuolaZoo. Infine l’ultima traccia riguarda lo sport e la storia con un articolo di Cristiano Gatti, giornalista e scrittore.

Alle 8.30 c’è stata l’apertura del plico telematico. La password per accedere alle tracce è stata pubblicata sul sito del Ministero, www.miur.gov.it, e sui profili social.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori