Migranti, Sea Watch nella tempesta

Il Comune di Napoli ha inviato un messaggio all’imbarcazione ancorata a un miglio dalle coste di Siracusa: “Il nostro porto è aperto”.

L’ingresso della nave Sea Watch nelle acque territoriali italiane è stato consentito, secondo quanto si apprende dalla Guardia Costiera italiana, a causa delle cattive condizioni meteo per garantire la sicurezza dei migranti che si trovano a bordo, ormai da 7 giorni.

“Non c’è alcuna emergenza” legato al caso della nave Sea Watch, entrate in acque italiane a causa del maltempo. Lo ha affermato l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti, aggiungendo: “Sono 47 migranti, un grande Paese si fa carico di 47 migranti dimostrando umanità”.

Al momento dunque la Sea Watch affiancata da motovedette della Guardia costiera e della Guardia di finanza è in rada nel porto di Augusta. I migranti a bordo sono provati da sette giorni in mare gli ultimi due dei quali con onde alte sette metri e raffiche di vento a 70 nodi in ulteriore peggioramento.

Intanto, il Comune di Napoli ha inviato un messaggio all’imbarcazione ancorata a un miglio dalle coste di Siracusa: “Il nostro porto è aperto”. Piena disponibilità anche da parte del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che, insieme al sindaco di Siracusa Francesco Italia, si è dichiarato pronto ad accogliere i profughi.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori