Milan, Gattuso e Bakayoko si sono chiariti

C’è stato un chiarimento fra Rino Gattuso e Tiemoué Bakayoko, all’indomani del battibecco in panchina durante Milan-Bologna, secondo quanto filtra dal club rossonero.
Tra Bakayoko e Gattuso volano parole grosse in panchina quando Biglia – che lascia San Siro in stampelle – chiede il cambio al 26′ e il francese, probabilmente stizzito per la panchina, si rifiuta di entrare subito e chiede più tempo per riscaldarsi. Gattuso è inviperito ma a fine partita cerca di smorzare le polemiche, anche se lo sguardo tradisce la rabbia verso il comportamento del centrocampista, con cui domani mattina ci sarà probabilmente un confronto alla ripresa degli allenamenti a Milano: ”Sono affari nostri, ci ha messo un po’ di più a riscaldarsi e ho scelto Mauri – dice l’allenatore dei rossoneri -. Ho aspettato 8 minuti, non si era ancora messo il parastinchi ma finisce là. E’ capitato anche a me di mandare a quel paese un allenatore. A me possono dire di tutto, mandarmi a quel paese ma non bisogna mancare di rispetto allo spogliatoio. Voglio chiuderla nello spogliatoio e parlare la mia lingua, quella che in tv non si può usare. Quello che ci diremo lo sentiranno tutti. Ora pensiamo alla vittoria e non a disperdere energie su altre cose.  Dopo il derby ne abbiamo combinate abbastanza: la lite tra Kessie e Biglia, la maglia di Acerbi. Dobbiamo dare priorità al Milan, a chi ci paga, ai tifosi e non all’ego. I voti li daremo a fine stagione, vedremo chi si è comportato bene e male”. Ora, sottolineano dal Milan, per tutti la concentrazione è massima per preparare al meglio la sfida di sabato con la Fiorentina.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori