Napoli, scontro tra treni della metro: 5 feriti

Lʼincidente ha coinvolto un convoglio appena partito dalla stazione di Piscinola. Tre convogli della linea 1 della metropolitana di Napoli si sono scontrati appena fuori dalla stazione Piscinola poco prima delle 8. Lo scontro è avvenuto poco dopo le 7 tra un treno che dal deposito si stava immettendo sul binario 1 e che si è scontrato con un altro che viaggiava sullo stesso binario e che si apprestava a entrare in stazione. 

L’impatto ha coinvolto un treno con molti passeggeri a bordo che era appena partito dal binario 2 della stazione: l’urto avrebbe fatto saltare tre porte del mezzo.

L’incidente potrebbe essere stato causato da un errore umano. Secondo una prima ricostruzione, sembrerebbe che non sia stato rispettato il segnale di stop dal treno che dal deposito si stava immettendo sul binario 1 e che si è scontrato con il convoglio che stava viaggiando sullo stesso binario per entrare nella stazione di Piscinola. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, i vigili del fuoco e il 118. 

Cinque persone sono state trasportate in ospedale, nessuno in gravi condizioni.

Ad essere trasferiti all’ospedale Cardarelli sono stati i due macchinisti: uno per trauma toracico e l’altro per trauma cervicale. Ci sono poi contusi, uno per un trauma lombo sacrale ed un altro per contusioni agli arti inferiori che sono stati trasferiti al Cto. Un’altra persona è stata ricoverata per trauma alla mano. Altri passeggeri sono stati medicati sul posto per escoriazioni e soccorsi per lo shock. 

Indagini dei carabinieri sono in corso per fare luce sull’accaduto. La circolazione dei convogli è bloccata su disposizione dell’autorità giudiziaria. Di certo la scorsa notte sono stati eseguiti interventi di manutenzione con una vecchia motrice a gasolio proprio dove stamattina si è verificato l’incidente. Già in passato si sono verificati, si apprende, problemi di frenata per i primi treni che la mattina entrano in servizio, causati dai liquidi viscidi che la motrice lascia sui binari.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori