Segui Babbo Natale con “Norad tracks Santa” e “Google Santa Tracker”

Non tutti lo sanno ma il Norad, ovvero North American Aerospace Defense Command, segue il viaggio di Babbo Natale durante la vigilia già dagli anni ’50. Grazie all’applicazione Norad track Santa possiamo farlo anche noi.

Tutto ebbe inizio nel 1955. I Grandi Magazzini  Sears Roebuck & Co., con sede a Colorado Springs, pubblicarono  un annuncio per incoraggiare i bambini a telefonare a Babbo Natale fornendo un numero di telefono errato. Il numero telefonico non solo era errato ma corrispondeva, in realtà, a quello della linea operativa riservata del comandante in capo del CONAD, Continental Air Defense Command. Il colonnello Harry Shoup, diventato il famoso “Colonnello Santa Claus“,  invece di riaggangiare chiese al proprio staff di controllare i radar alla ricerca di segnali dello spostamento di Babbo Natale dal Polo Nord verso sud, così ai bambini che telefonavano venivano dati aggiornamenti  sulla posizione di babbo, slitta e renne dando il via alla tradizione.

Nell 1958, i governi di Canada e Stati Uniti crearono un comando di difesa aerea congiunta per il Nord America denominato North American Aerospace Defense Command (Comando di difesa aerospaziale del Nord America), meglio noto come NORAD, che ha ereditato la missione di seguire il volo di Babbo Natale. Da quel momento, gli uomini, le donne, le famiglie e gli amici del NORAD hanno generosamente messo a disposizione il proprio tempo per rispondere personalmente alle telefonate e alle email dei bambini di tutto il mondo. Nella notte magica tra il 24 e il 25 Dicembre, si traccia la posizione di Babbo Natale su Internet grazie al sito web di NORAD Tracks Santa®, localizzato anche in italiano. nel 2007 Google diventa il fornitore di mappe ufficiale del progetto,  ma nel 2012 i due partner si sono separati e il Norad ha iniziato la sua collaborazione con Microsoft e Bing.
Inoltre, grazie alla rete wireless 4G LTE di Verizon, i volontari del Centro Operativo NORAD Track tracceranno la rotta della slitta dalla base aerea Peterson Air Force condividendo poi tutti i dati sul web.Sarà presente una mappa radar e lo streaming video “SantaCam” con le immagini dei centri già visitati.Sarà inoltre possibile seguire il viaggio su Facebook, Twitter e Google+ oltre che scaricare le applicazioni gratuite e ufficiali dall’App Store di iTunes e da Google Play Market oltre che  anche da Windows Marketplace.
Ovviamente Google non è rimasta a guardare e dopo la separazione  ha presentato il suo “Santa Tracker”.
Oggi abbiamo così due possibilità di “spiare” i movimenti di Babbo Natale: Google Santa Tracker e lo storico NORAD Tracks Santa.

Alla fine dei conti tutta l’operazione vale un investimento di decine di migliaia di dollari e vede ancora una volta Microsoft in primo piano. Ovviamente le intenzioni di Microsoft non sono puramente filantropiche e la speranza è sempre nel ritorno di un guadagno quando i bambini saranno diventati grandi.

Ma è Natale e di sicuro è bello pensare che sia Microsoft che Google lo facciano semplicemente perché questo periodo  ci rende tutti più buoni.

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori