Il Papa sul nucleare: “Armi da condannare, scenari angoscianti”

Papa Francesco, in occasione del simposio internazionale sul disarmo organizzato in Vaticano, davanti ad undici premi Nobel per la Pace, i vertici dell’Onu e della Nato ha commentato la corsa al nucleare e al miglioramento delle armi belliche che stanno attuando alcuni paesi in questo periodo.

LE PAROLE DEL PONTEFICE – “La minaccia di usare le armi nucleari è da condannare con fermezza come il loro stesso possesso, perché la loro esistenza è funzionale a una logica di paura che non riguarda solo le parti in conflitto, ma l’intero genere umano. La vera scienza è sempre a servizio dell’uomo, mentre la società contemporanea appare come stordita dalle deviazioni dei progetti concepiti in seno ad essa, magari per una buona causa originaria. Basti pensare che le tecnologie nucleari si diffondono ormai anche attraverso le comunicazioni telematiche e che gli strumenti di diritto internazionale non hanno impedito che nuovi Stati si aggiungessero alla cerchia dei possessori di armi atomiche. Si tratta di scenari angoscianti, se si pensa alle sfide della geopolitica contemporanea come il terrorismo o i conflitti asimmetrici”. 

Share This:

Giuseppe Secondulfo

Mi chiamo Giuseppe Secondulfo e sono uno studente laureando in lingue e letterature straniere presso l’Università di Napoli l’Orientale. Amo scrivere di calcio, reportages, e di attualità estera di cui sono un grandissimo appassionato. Nel tempo libero amo leggere, guardare documentari sull’arte, la cucina, approfondire la conoscenza delle lingue straniere e viaggiare. Sono un appassionato, oltre che del calcio, anche di tennis e di basket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori