Paperelle di gomma per il bagnetto, attenzione ai germi

Uno studio internazionale ha dimostrato che i rassicuranti giochini contengono agenti patogeni come la legionella.

Paperelle di gomma e altri giocattoli di plastica sono compagni di molti bimbi durante il bagnetto, ma occhio a batteri e funghi. I bagni caldi e umidi offrono infatti le condizioni ideali per la loro proliferazione, ad esempio sulle tende da doccia e ciò vale anche per i giochi di plastica immersi nell’acqua.

Lo studio condotto da Swiss Federal Institute of Aquatic Science and Technology, ETH Zürich e Università dell’Illinois hanno analizzato i microbi che insidiano i simpatici oggetti da bagno, scoprendo che quattro giocattoli su cinque presentavano “agenti potenzialmente patogeni”. Tra i batteri riscontrati, la Legionella e la Pseudomonas Aeruginosa. Gli studiosi evidenziano che i materiali plastici – spesso polimeri di bassa qualità – rilasciano notevoli quantità di composti organici di carbonio e durante il bagno, l’azoto e il fosforo, così come altri batteri, sono forniti dal corpo umano. Ciò consente a batteri e funghi di moltiplicarsi all’interno di giochi che i bambini spesso amano usare per spruzzare acqua in viso. “Questo potrebbe rafforzare il sistema immunitario, ma può anche causare infezioni agli occhi, alle orecchie o persino gastrointestinali”, rileva il microbiologo Frederik Hammes. La soluzione è allora bandirli? Per i ricercatori la risposta è no: usare polimeri di miglior qualità per la fabbricazione delle paperelle sarebbe l’unico modo per limitare i danni.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori