Scuola, Ferri e Frate (Iv): “Ministero ha escluso 11mila aspiranti docenti”

In una dichiarazione congiunta gli onorevoli Cosimo Maria Ferri e Flora Frate, deputati di Italia Viva, hanno attaccato il Ministero dell’Istruzione. La scelta di anticipare le Gps entro fine maggio esclude coloro che si laureeranno a luglio.

Scuola, Ferri e Frate (Iv): “Ministero ha escluso 11mila aspiranti docenti. Siamo insoddisfatti della scelta”

In una dichiarazione congiunta gli onorevoli Cosimo Maria Ferri e Flora Frate, deputati di Italia Viva, hanno lanciato un duro attacco al Ministero dell’Istruzione. I motivi, ben spiegati dai due deputati, sono ben comprensibili: “In commissione cultura – hanno detto – si è svolta l’interrogazione al Ministro dell’Istruzione con la quale chiedevamo l’inserimento dei laureandi di luglio nelle graduatorie provinciali dei docenti”.

E’ infatti noto ormai che le Graduatorie Gps 2022/24, che varranno per questo triennio, avranno come termine ultimo il 31 maggio prossimo. Una data che, difatti, esclude coloro i quali conseguiranno la laurea a luglio. Come reso noto dai due parlamentari in commissione cultura si è svolta, a tal proposito, un’interrogazione al Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi.

“Non soltanto la risposta arriva in evidente ritardo, ad ordinanza già pubblicata, ma prendiamo atto che il Ministero ha escluso circa 11 mila aspiranti docenti che conseguono la laurea nel mese di luglio”, tuonano Ferri e Frate.

“Dire che bisogna escludere alcune categorie per evitare lo slittamento delle attribuzioni delle supplenze non è equo né tantomeno giusto – continuano i due deputati di Italia Viva -. Appare una scelta opinabile, anche perché è stata data la possibilità, a giusta ragione, a specializzandi ed a coloro che si stanno abilitando di partecipare con riserva. Non capiamo le motivazioni di questa scelta, tenuto anche conto dell’evidente anticipo della pubblicazione dell’ordinanza rispetto a quanto avvenuto agli altri anni”.

“Ci riteniamo insoddisfatti di questo modo di procedere, che alimenta soltanto discrepanze e incertezza del diritto”, concludono.

In una dichiarazione congiunta gli onorevoli Cosimo Maria Ferri e Flora Frate, deputati di Italia Viva, hanno attaccato il Ministero dell’Istruzione. La scelta di anticipare le Gps entro fine maggio esclude coloro che si laureeranno a luglio.

Share This:

Daniele Naddei

Giornalista iscritto all'ordine dei Giornalisti Pubblicisti della Campania da maggio 2014. Caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

Cultura a Colori