Liliana Segre, senatrice a vita, all’incontro ‘L’etica della responsabilità: dalla memoria all’universalità dei diritti’ ha commentato in questi termini un eventuale incontro con Salvini.
“Lo incontrerò, certo, perché non dovrei? Se lui mi vuole incontrare perché no?” le parole della senatrice che poi ha continuato dicendo “Se io non odio, perché non dovrei aprire la porta?” una frase certamente bella ed importante che non ha nulla a che vedere con le punte di razzismo toccate dal nostro paese negli ultimi mesi.

Share This:

Di Giuseppe Secondulfo

Mi chiamo Giuseppe Secondulfo e sono uno studente laureando in lingue e letterature straniere presso l’Università di Napoli l’Orientale. Amo scrivere di calcio, reportages, e di attualità estera di cui sono un grandissimo appassionato. Nel tempo libero amo leggere, guardare documentari sull’arte, la cucina, approfondire la conoscenza delle lingue straniere e viaggiare. Sono un appassionato, oltre che del calcio, anche di tennis e di basket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori