Teatro Bellini, dal 7 al 16 dicembre: “Cous Cous Klan”

Drammaturgia Gabriele Di Luca con Angela Ciaburri, Alessandro Federico, Pier Luigi Pasino, Beatrice Schiros, Massimiliano Setti, Aleph Viola. Voce fuori campo Andrea Di Casa, musiche originali Massimiliano Setti, scene Maria Spazzi, costumi Erika Carretta, luci Giovanni Berti, regia Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi. Uno spettacolo di Carrozzeria Orfeo, coproduzione Teatro dell’Elfo, Teatro Eliseo, Marche Teatro in collaborazione con Fondazione Teatro della Toscana, La Corte Ospitale – residenze artistiche.

In un mondo distopico dove l’acqua è stata privatizzata e le sorgenti idriche sono militarizzate, una piccola comunità di senzatetto, in una periferia degradata, combatte la sua tragicomica lotta per la sopravvivenza: Caio, ex prete nichilista e depresso, Achille, giovane sordomuto e irrequieto, Olga, la sorella maggiore, obesa e con un occhio solo, Mezzaluna, il precario compagno di Olga, un musulmano, immigrato in Italia ormai da dieci anni, che per sopravvivere seppellisce rifiuti tossici per un’associazione criminale di giorno e lavora come ambulante di notte. Alla comunità, già logorata da continui conflitti razziali ed interpersonali per la sopravvivenza, si aggiunge Aldo, un piccolo borghese, elegante e maturo, che dopo un grave problema familiare si è ritrovato a dormire per strada. Ma a sconvolgere il già precario equilibrio di questa comunità è Nina, una ragazza ribelle e indomabile, un’anima sospesa ed imprevedibile, che si rivelerà al tempo stesso, il più grande dei loro problemi e la chiave per il loro riscatto sociale.

Una galleria metropolitana di casi umani, «un’umanità socialmente instabile, carica di nevrosi e debolezze» che Carrozzeria Orfeo racconta con il suo stile politicamente scorretto e con «un occhio sempre lucido, divertito e soprattutto innamorato dei suoi personaggi».

Una sgangherata commedia umana, tenera ed esilarante in un mondo fatto di confini, recinzioni, telecamere di sicurezza, diseguaglianze sociali, conflitti razziali, che assomiglia molto al nostro (peggior) futuro…

Comunicato Stampa

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori